DichiarazioniFormula 1

Alonso: “Lewis ha sicuramente dei punti deboli”

L’ex pilota McLaren è convinto che anche l’attuale campione del mondo nasconda delle debolezze e sarebbe curioso di poterle scoprire

L’asturiano non le manda a dire all’ex compagno di squadra britannico, riaccendendo una delle scintille che spesso i due si sono scambiati in pista

Il guanto di sfida è stato lanciato. Ora tocca a Lewis Hamilton decidere se cogliere o meno le provocazioni lanciategli da Fernando Alonso. Il pilota spagnolo, che con Hamilton ha condiviso il sedile in McLaren diversi anni fa, sembra essere a caccia di emozioni e di battaglie… e per soddisfare la sua sete di vittoria, Alonso ha deciso di stuzzicarlo, convinto che Hamilton abbia qualche debolezza ancora sconosciuta.

Agli occhi dell’ex pilota di Formula 1, l’inglese avrebbe sì qualche asso nella manica ancora da scoprire, ma anche dei punti deboli che gli altri piloti non hanno ancora scovato e di cui non hanno potuto godere. Proprio per questo, l’idea sarebbe quella di metterlo sotto pressione, per vedere se questi stessi punti deboli possano venire a galla.

IMBATTIBILE… MA NON TROPPO

È chiaro tanto agli occhi di Alonso quanto a quelli dei tifosi: negli ultimi anni non c’è stata storia. Hamilton ha letteralmente dominato su qualsiasi circuito, dimostrando una forza d’animo e una concentrazione senza pari. Tuttavia, proprio la sua concentrazione potrebbe essere uno egli elementi in grado di tradirlo.

Correndo sotto pressione, secondo Alonso, anche il pilota della Mercedes potrebbe venir meno al suo carattere ferreo, incappando in qualche errore. Del resto, secondo l’asturiano l’imbattibilità di Hamilton deve avere per forza qualche angolo cieco e proprio lui è pronto a sfidarlo per venirne a conoscenza.

Ha ancora diversi punti deboli che però non sono saltati all’occhio, nessuno va a premere quel pulsante, quella sua debolezza. È salito di livello negli ultimi anni, soprattutto nel 2019, quando l’auto non è stata così dominante come gli anni precedenti

In un’intervista rilasciata per F1 Racing, Alonso ha poi elogiato anche le capacità di Hamilton nell’essere riuscito a tenere la monoposto sul gradino più alto del podio, nonostante Ferrari e Red Bull fossero cresciute a tal punto da insidiare la sua prima posizione.

ARIA DI SFIDA

Tuttavia, all’occhio attento dello spagnolo non è sfuggito il fatto che nessuno abbia nemmeno mai provato a scoprire le debolezze del britannico. Lo scorso anno, per esempio, la stagione è partita in sordina, ma nessun pilota ne ha approfittato.

Sarebbe bello competere con Hamilton in una battaglia leale: forse le sue debolezze non sono vere ed è tutto calcolato, ma sarebbe bello scoprirlo. Quando hai un buon pacchetto e ai tuoi avversari succede qualcosa, puoi estendere il tuo vantaggio sul Mondiale e sei calmo per forza”.

Ma se questo vantaggio non fosse poi così scontato? Secondo Alonso, anche solo 10 punti di differenza dal pilota successivo sarebbero abbastanza per innervosire Hamilton, pronto a tutto per difendere la propria posizione. E proprio questa potrebbe essere la chiave per portarlo a sbagliare…sfruttando quindi i suoi errori.

Pubblicità

Anna Vialetto

Anna è sinonimo di determinazione, concentrazione e curiosità. Ho sempre studiato e lavorato per rincorrere e realizzare i miei sogni, con l'obiettivo di concretizzarli in quella che è la mia più grande passione: l'automotive. La Formula 1 per me è parte integrante della mia personalità: il rombo dei motori, i sorpassi all’ultimo centimetro, la velocità delle monoposto. Ma soprattutto, tutto il mondo che sta dietro allo spettacolo in pista: l'organizzazione, la comunicazione, il marketing, l'energia...la stessa che, fin da quand'ero bambina, mi ha portata a coltivare questo grande amore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button