2019Formula 1Gran Premio Germania

Alfa Romeo: presentato il ricorso contro la penalità in Germania

Appena un giorno prima che il GP di Ungheria entri nel vivo dell’azione, l’Alfa Romeo ha avviato in maniera formale la procedura

Topics

Ora è finalmente ufficiale. Alfa Romeo ha presentato formalmente il ricordo per appellarsi alla doppia penalità inflitta ai loro piloti in occasione del Gran Premio di Germania.

Kimi Raikkonen e Antonio Giovinazzi a Hockenheim hanno chiuso la gara rispettivamente in settima e ottava posizione ma sono stati esclusi dalla classifica. Nello specifico, i commissari hanno riscontrato alcune atipicità alla coppia di frizione in avvio di corsa, violazione paragonata a una falsa partenza. Una penalità che ad Alfa Romeo non è andata giù e per questo motivo la scuderia ha deciso di rivendicarsi.

Proprio pochissime ore fa il team guidato da Fréderic Vasseur ha confermato di aver formalmente presentato l’appello riguardante la doppia sanzione inflitta ai suoi piloti: “L’Alfa Romeo Racing ha presentato ricorso contro la decisione n. 56 e 57 degli Steward del Gran Premio di Germania 2019“, ha pubblicato il team di Hinwil su Twitter.

A sostenere la completa innocenza della scuderia elvetica, ci ha messo la faccia proprio il Team Principal, Fréderic Vasseur. Secondo il francese il team non è responsabile della disfunzione segnalata dai Commissari ammettendo di avere nelle mani le prove utili per annullare il verdetto della Federazione: “È stato deludente veder penalizzate entrambe le monoposto, dopo una gara emozionante e piena di colpi di scena che avevamo chiuso anche in zona punti – ha raccontato – Il problema è apparso durante i giri che abbiamo passato dietro alla Safety Car e prima del riavvio. Per le anomalie alla frizione che sono state evidenziate dai Commissari noi non abbiamo colpe. Non siamo i responsabili“.

Ora, appena un giorno prima che il Gran Premio di Ungheria entri nel vivo dell’azione, l’Alfa Romeo ha avviato in maniera formale la procedura. Ed è così che la palla passa alla Federazione.

Topics
Pubblicità

Eleonora Ottonello

Mi chiamo Eleonora, ho 32 anni e sono di Genova. Scrivo per passione, nella vita di tutti i giorni sono un'educatrice cinofila. Non ho paura di dire (forse è meglio dire scrivere) quello che penso. Per me la sincerità e la franchezza sono alla base di ogni rapporto umano. Sono pignola e puntigliosa ma disordinata e pasticciona allo stesso tempo.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button