DichiarazioniFormula 1

Abiteboul: “Fondamentale essere uniti e collaborare con la Pirelli”

Il team principal francese ha spiegato che in vista dei cambi regolamentari sarà importante lavorare bene con il fornitore italiano

In vista del 2021, è stato deciso il da farsi anche sul fronte gomme

Dopo il tentativo fallito di tornare alle gomme del 2018 durante la scorsa stagione, è stato deciso che le specifiche attuali verranno utilizzate anche nel 2021.

Al fine di limitare il naturale aumento dei livelli di aerodinamica nel 2021 e quindi controllare i carichi sulle gomme, i team hanno concordato un leggero cambiamento nelle regole del battistrada che aiuterà gli pneumatici del 2019 a reggere per un anno in più. Il direttore tecnico della Racing Point, Andy Green, crede che il cambiamento equivalga a una rielaborazione “dal fronte al retro” dell’attuale pacchetto aerodinamico.

Abiteboul afferma di provare simpatia per Pirelli, poiché la società deve sempre reagire alla direzione intrapresa dalle squadre e dalla FIA. “Sono stato un fornitore di motori e conosco la difficoltà di essere un fornitore di Formula 1″, ha affermato il team principal della Renault a Motorsport.com, dopo aver gestito gli sforzi del costruttore prima del ritorno in Formula 1 come team ufficiale.

“Ricordiamoci che l’anno prossimo saremmo dovuti passare ai cerchi da 18, ma abbiamo dovuto adattarci alle circostanze. Avendo preso questa decisione, penso che abbia senso anche cercare di adattare leggermente le nostre auto al loro prodotto, almeno a breve termine.”

Abiteboul afferma l’importanza di aiutare Pirelli ad anticipare i livelli di deportanza che i pneumatici da 18 pollici dovranno affrontare in base alle nuove norme tecniche nel 2022. “Penso che a medio termine, in particolare per il 2022, dobbiamo assicurarci che vengano sviluppati i prodotti giusti per le nostre auto, con i presupposti giusti”, ha affermato.

“A volte ciò che è notevole è che la griglia in generale è in grado di andare oltre le nostre ipotesi. Penso che tutti siano stati sorpresi dalla quantità di sviluppo aerodinamico che siamo stati in grado di generare negli ultimi 12 mesi, nonostante un cambiamento di regolamenti con l’ala anteriore semplificata, e così via”, conclude Abiteboul.

Pubblicità

Gabriele Gramigna

Mi chiamo Gabriele, sono un ragazzo molisano e studio chimica all'università di Padova. Dal 2018 scrivo per F1World, cercando di trasmettere la mia passione per la Formula 1 in tutti i miei articoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button