2019Dichiarazioni dei PilotiFormula 1Popolo Alonsista

500 Miglia Indianapolis | Fernando Alonso al ripescaggio

Il Bump Day è l’ultima chance per Fernando Alonso di qualificarsi per la 500 Miglia di Indianapolis. Ci riuscirà o dovrà aspettare fino al prossimo anno per provare l’assalto dell’ultimo tassello per la Tripla Corona?

Topics

Ieri la McLaren non è riuscita a qualificarsi tra i trenta per la 500 Miglia di Indianapolis, perciò ha avuto la dura conferma che il lavoro effettuato non è stato abbastanza. Sin dall’inizio non vi è stata la velocità necessaria per effettuare un buon crono. Nel suo primo tentativo, Fernando Alonso ha infatti segnato il peggior tempo registrato fino a quel momento con una media di 225.113 miglia orarie, un crono nettamente inferiore rispetto a quelli registrati durante le prove libere. L’asturiano ha poi dichiarato di avere una foratura ad una mescola e quindi non poteva avere un ritmo migliore.

Tutto ciò ha creato allarmismo ed ha complicato la corsa per entrare nelle prime trenta posizioni. Fernando Alonso ha cercato in tutti i modi di scalare posizioni in classifica, senza riuscirci però. Provvisoriamente era salito al 30esimo posto ma poi O’Ward gli ha soffiato la posizione, costringendolo ad effettuare un ulteriore tentativo per ottenere una posizione migliore. Quasi alla fine sembrava che lo spagnolo avesse raggiunto l’obiettivo, ma Pipa Mann lo ha sorpassato all’ultimo minuto con una piccola differenza di soli 20 centesimi. “È un momento difficile per la squadra, ma dobbiamo rimanere calmi e concentrati. Spero che riusciremo a raggiungere una delle ultime tre posizioni a disposizione per poter disputare la gara”, ha così dichiarato Fernando Alonso ieri.

L’incidente di mercoledì ha complicato il tutto. (Ve ne avevamo parlato in questo pezzo: Indy 500 | Ritardi nelle riparazioni dopo il primo crash di Fernando Alonso ) La monoposto che ha preparato la squadra di Woking per l’ovale ha avuto problemi costanti sin dalla prima giornata di prove libere, ma dopo l’incidente ha dovuto utilizzare il telaio di riserva che Carlin aveva preparato, seppur la McLaren ha deciso di modificarlo secondo le proprie specifiche. E’ noto che l’inesperienza in questa categoria come squadra e la mancanza di tempo in pista hanno ostacolato la messa a punto ottimale della vettura, e ciò non ha permesso a Fernando Alonso di fare la differenza che avrebbe dato loro abbastanza margine per essere al sicuro.

Lo spagnolo perciò ha come ultima chance quella del Bump Day, ma tutto sembra indicare che oggi il ripescaggio sarà serratissimo, perciò molto dipenderà da chi avrà condizioni più favorevoli e non commetterà errori. Riuscirà Fernando Alonso a qualificarsi? Oppure dovrà aspettare fino al prossimo anno per provare l’assalto dell’ultimo tassello per la Tripla Corona? C’è chi spera che riesca a togliere dal cilindro una delle sue solite magie e che la vettura gli consenta di battagliare come solo lui sa fare.

Topics
Pubblicità

Sabrina Aceto

Mi chiamo Sabrina ho 27 anni e sono milanista sfegatata da quando sono nata. Quando meno me l'aspettavo, la Formula 1 mi ha stravolto la vita e grazie a Fernando Alonso e ad Ayrton Senna mi sono innamorata di questo magico sport. Avere due miti come loro è un vero onore ed essere Alonsista è pura magia! Il mio tifare per il pilota, agli occhi di molti mi rende una tifosa atipica, ma come dice il mio cantante preferito Nesli “Cosa diranno non importa, non conta più, perché alla fine ciò che resta sei solo TU!” Ed è vero, ciò che conta veramente sono le emozioni ed i valori che una persona riesce a trasmetterci, ciò che dicono gli altri non ha importanza.

Altri articoli interessanti

Back to top button