DichiarazioniFormula 1

Wolff: “Il 2021 non sarà così scontato come si tende a pensare”

Per la stagione che sta per cominciare l’austriaco preannuncia dinamiche non così prevedibili. Ogni annata è diversa dalla precedente e sarebbe sbagliato, a suo dire, basarsi su ciò che abbiamo assistito finora

Il team principal della Mercedes, Toto Wolff, mette le mani avanti preannunciando un 2021 non così prevedibile come si vuole credere

Nella giornata di ieri la Mercedes ha presentato ufficialmente la monoposto per la prossima stagione. La W12 E Performance è l’erede di una macchina pigliatutto; capace di vincere 13 gare su 17 e di conquistare i due titoli mondiali in palio. Rispetto alla norma le vetture di quest’anno non saranno rivoluzionate, a causa del congelamento imposto dalla FIA su numerose componenti. E a differenza delle previsioni Toto Wolff non si dice così sicuro del 2021.

Di primo acchito il blocco allo sviluppo potrebbe far pensare che da questa situazione la scuderia di Brackley ne esca favorita. Ma bisogna anche considerare l’introduzione di alcune modifiche regolamentari, tra cui il taglio del fondo che comporterà una riduzione del downforce generato del 10%. Variazioni che influenzeranno, seppur in parte, le prestazioni che siamo stati abituati a vedere. E poi c’é comunque la Red Bull, che un progetto già avviato potrebbe fin da subito essere un avversario ostico.

“APPROCCIAMO IL 2021 CON LA STESSA FAME CHE ABBIAMO DAL 2013”

Mercedes non vuole prendere questa stagione sotto gamba dimostrando che, un team vincente, non si accontenta e rilassa mai. “Ogni stagione presenta una nuova sfida e, quindi, un nuovo obiettivo da raggiungere. Il 2021 porta alcuni cambiamenti che possono condizionare la nostra competitività. Inoltre, sarà già in vigore il budget cap a cui si aggiunge il fatto che dovremmo lavorare per la rivoluzione tecnica prevista per il 2022“, queste le parole dell’austriaco alla presentazione della W12.

Wolff ha poi continuando dicendo: “Ogni anno azzeriamo, ci concentriamo e definiamo il traguardo più adeguato. Sembra semplice, ma non lo è ed è il motivo per cui nessun’altra squadra ha vinto sette campionati consecutivi. Può succedere che un team si abitui e che non lavori più così duramente. Ma noi non siamo mai soddisfatti. Vedo la stessa fame e la stessa passione che c’era quando ho varcato per la prima volta questa soglia nel 2013“.

 

Silvia Quaresima

Il mio amore per la Formula 1 é sempre stato lì con me, fin da quando ho ricordo delle vittorie di Michael in rosso. Ma con il tempo è cresciuto così tanto che ora c’è voglia di esserne parte e di raccontarla.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.