DichiarazioniFormula 1

Vettel, Perez e il gioco delle sedie

Lawrence Barretto, noto giornalista di F1.com, vede Vettel in Aston Martin, Perez in Alfa Romeo e Raikkonen fuori dalle corse nel 2021

Non è ancora terminato il mercato piloti del 2021. Con l’ingaggio di Fernando Alonso, anche la Renault ha delineato i suoi piani per la stagione ventura, ma sulla graticola rimane un altro nome caldo come quello di Sebastian Vettel.

Il tedesco è stato accostato alla Racing PointAston Martin dal 2021 – nelle ultime settimane e, anche se Otmar Szafnauer ha smentito a più riprese, le trattative sembrano ben avviate. A questo punto, uno tra Perez e Stroll dovrà fargli posto. Improbabile sia Lance, figlio di Lawrence che ha salvato il team dal tracollo finanziario nel 2018. Sarà così Sergio la vittima sacrificale. Sul contratto del messicano pare esserci una clausola che gli consentirebbe l’uscita dal team, dietro un’ingente somma di denaro. 

Perez a questo punto potrebbe ritrovarsi fuori dal Circus, ma non tutte le squadre del midfield hanno delineato le rispettive line up del 2021. Pare infatti che l’Alfa Romeo sarebbe pronta a garantirsi i servigi del messicano, che rileverebbe il posto di Kimi Raikkonen, per il quale il timing per un’uscita di scena sembra perfetto (compirà 41 anni a ottobre). Almeno questo è lo scenario – in mancanza di ufficialità – tracciato dal noto giornalista di F1.com Lawrence Barretto

“Sia Perez che Stroll godono di contratti in ottica 2021 con la rispettiva squadra – scrive Barretto – ma le mie fonti parlano di Vettel in direzione Aston Martin. Uno dei due dovrà così lasciargli strada. Non credo affatto che sarà Lance. Sarà piuttosto Perez, nonostante la sua fedeltà al team e i suoi migliori risultati rispetto al compagno. Attorno a Sergio si è creata una moltitudine di interesse: sia da team esterni alla F1, sia all’interno del Circus. E questo dimostra la considerazione di cui gode”.

“Dalle mie fonti, l’Alfa Romeo sarebbe particolarmente interessata a garantirsi il messicano. Ricordiamo che si tratta dell’ex Sauber, la scuderia che lanciò Perez esponendolo sotto i riflettori in particolare nel GP della Malesia 2012. Chi sarà a fargli posto? Per contratto, l’Alfa Romeo deve tenere un sedile per un pilota dell’Academy Ferrari, che in questo caso è Antonio Giovinazzi. Per cui sarebbe Raikkonen a farsi da parte, decisione aiutata anche dall’età, 41 anni a ottobre”.

“L’Alfa Romeo è uno dei team a essersi involuti maggiormente dal 2019 e per di più sta subendo i progressi di Haas e Williams. Farebbe comodo a tutto lo staff garantirsi un pilota di esperienza come Perez. Certo, dall’altro lato, ossia dal punto di vista di Sergio, lasciare la Racing Point, che è attualmente la seconda o terza miglior macchina, per l’Alfa Romeo rappresenta un grande passo indietro. Checo è ancora legato al suo attuale team e tenterà ogni carta per rimanerci. Ma, quando capirà che sarà impossibile, forse l’ipotesi di una stagione in Alfa Romeo non sarà da scartare: se non altro gli garantisce la permanenza nel Circus

Pubblicità

Luca De Franceschi

Sono Luca, studio Lettere e seguo la Formula 1 da una decina d'anni. Mi sono appassionato a questo sport durante l'era dei successi di Michael Schumacher con la Ferrari, per poi assistere alle prime vittorie di Fernando Alonso, Lewis Hamilton e Sebastian Vettel. A casa ho diversi DVD sulla storia di questo sport, che mi hanno fatto conoscere i piloti e le auto del passato. Ho anche la passione dei kart, sui quali ogni tanto vado a girare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button