DichiarazioniFormula 1

Todt: “Schumacher non è il miglior pilota della storia”

Il presidente della FIA spiega i motivi per cui non decreta il tedesco come il migliore di sempre, inoltre paragona Verstappen a Raikkonen e dichiara di ammirare Hamilton

Jean Todt ritiene che Michael Schumacher non sia il miglior pilota della storia della Formula 1. Ma perché?

Decretare il migliore della storia del Circus è un’ardua impresa, perché vi sono troppo fattori da prendere in considerazione e innumerevoli differenze tra le varie epoche da non sottovalutare. Ecco perché Jean Todt non considera Michael Schumacher come il miglior pilota della storia, nonostante la supremazia ottenuta con lui in Ferrari dal 2000 al 2004, che ha portato il team di Maranello sul tetto del mondo dopo un digiuno lungo 21 anni. Perciò ha dichiarato: “Stabilire chi sia il più grande pilota della storia del Circus è davvero complicato. Ritengo che ci siano campioni che si sono distinti e per questo ritenuti strabilianti nelle varie epoche”.

“Basti pensare per esempio a Fangio che era il migliore della sua epoca, stessa cosa Jim Clark. Per tali motivi non ho mai considerato Schumacher come il più grande pilota della storia. Attualmente Hamilton è il migliore. Ci sono stati decenni in cui c’è stato soltanto un pilota al vertice che si è distinto. Non si può decretare il migliore soltanto in base al numero di titoli vinti, ma ci sono tanti fattori da tenere in considerazione. Per esempio, ai tempi di Fangio c’era un numero minore di gare, si poteva usare la vettura del compagno di squadra e anche il sistema di assegnazione dei punti era differente. Per tali motivi è impossibile fare un confronto netto”.

LEWIS SORPASSERA’ MICHAEL?

Ma Todt non ha spiegato soltanto i motivi per cui non ritiene Schumacher il miglior pilota della storia, ma ha anche parlato dell’olandese della Red Bull e di Hamilton. “Max Verstappen mi ricorda Kimi Raikkonen, non solo per il talento e l’essere molto diretto. Entrambi mi sembrano indifferenti a tutto ciò che non rientra nella cerchia dei loro interessi su cui si concentrano totalmente. Di Hamilton ammiro la longevità, anche se è più semplice gestirsi quando si ha la miglior monoposto. Lewis sorpasserà Michael? Buon per lui se ci riuscirà, anche se attualmente ci sono ancora due sette volte campioni del mondo” ha così concluso il presidente della FIA.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.