DichiarazioniFormula 1

Todt non vuole rinviare il nuovo regolamento al 2023

Il francese boccia l’idea di posticipare le nuove regole oltre il 2022. I team rimandano questa discussione, perché al momento non è urgente

Jean Todt non vuole rinviare l’attuazione del nuovo regolamento al 2023. Questa opzione è stata menzionata durante la riunione delle squadre in videoconferenza con la FIA e la FOM

L’attuazione del nuovo regolamento era previsto per la stagione del 2021, ma a causa della pandemia generata dal Coronavirus, tutto è cambiato. Ma Todt non vuole che le cose vengano ulteriormente stravolte.  La prima conseguenza è stata il rinvio dei primi sei Gran Premi della stagione, a seguire vi è stato il posticipo dell’attuazione dei nuovi regolamenti.

Il lavoro dei team per prepararsi al 2021 è interrotto, a causa della stagione del 2020 che non è ancora iniziata. La Classe Regina delle corse automobilistiche e i suoi team verranno perciò colpiti dalla crisi economica, quindi sarà difficile lavorare sulle nuove monoposto. Perciò si è saggiamente deciso di introdurre le nuove normative nel 2022.

HORNER CHIEDE LA PROROGA DEL NUOVO REGOLAMENTO

A tal proposito, il Team Principal della Red Bull, Christian Horner ha recentemente affermato di aver proposto la proroga del nuovo regolamento al 2023. Todt si è fermamente opposto. L’idea è stata esplicitata ieri alla riunione in videoconferenza tenutasi tra i team, la FIA e la FOM. Il francese ha rifiutato categoricamente una proposta del genere. Sconsiglia, inoltre, di seguire questa strada e incoraggia i team a rimanere dell’idea di cambiare le regole per la stagione del 2022.

Adesso però tale proposta non è una questione urgente e i team hanno affermato che ci penseranno in un secondo momento. Ora il compito principale dei team è concordare il massimale del bilancio 2021, pertanto, la questione dei nuovi regolamenti non si presenterà fino all’estate. La cosa più immediata in questo momento è decidere dove tagliare per aiutare i team a rimanere in pista durante questi mesi senza gare e, di conseguenza, senza reddito a causa della crisi generata dal Coronavirus.

Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.

Utilizziamo servizi di terze parti per analizzare il traffico sul nostro sito e restare in contatto con i nostri visitatori. Vengono quindi trattati dati anonimi di navigazione e altri dati simili per mezzo di cookie, come indicato nelle nostre policy. Accettando l’uso dei cookie ci aiuti ad offrirti un’esperienza migliore con i nostri servizi.