DichiarazioniFormula 1

Scintille Perez-Verstappen: che la fase ‘distensione’ abbia inizio!

Checo e Max si lasciano a spalle quanto accaduto a Interlagos continuando a lavorare come una grande squadra

Il GP brasiliano fa scoppiare scintille tra Perez e Verstappen. Tuttavia, pare che la fase distensione abbia avuto inizio già dal lunedì: la squadra tornerà a lavorare unita e più forte di prima

Nel corso del GP di Interlagos abbiamo assistito a scintille tra Perez e Verstappen. Il numero uno della Red Bull, quasi alla fine del GP, non ha voluto cedere la posizione al compagno di squadra. Questo avrebbe permesso a Perez di mantenere un leggere vantaggio nei confronti di Charles Leclerc per il secondo posto in classifica piloti. L’olandese si è opposto fermamente agli ordini di scuderia che gli chiedevano di far passare Checo e così è scoppiata la tempesta.

Dopo il GP, Sergio Perez si è sfogato davanti a tutti i giornalisti mostrando tutto il suo astio nei confronti di Max: “Non capisco perché Verstappen non mi abbia lasciato il posto dopo tutto quello che ho fatto per lui, se ha due titoli mondiali è grazie a me!”. Dal canto suo, Verstappen ha più volte ribadito i motivi per cui non ha voluto cedere la posizione e pare che questi siano riconducibili al GP di Monaco, durante il quale Perez si sarebbe scontrato di proposito contro le barriere per impedire a Max di fare la pole.

Il bilancio di una gara infuocata

Il pilota messicano ha fatto un bilancio di quanto accaduto durante il weekend di gara. Checo ritiene che quanto doveva essere detto a Max è stato detto e che i dettagli rimarranno una questione interna al team. Sia il messicano che la Red Bull assicurano che l’incidente di Interlagos fa già parte del passato e che continueranno a lavorare come una grande squadra. Con Max e il team tutto è stato discusso ieri e sarà mantenuto internamente, questo è passato e continueremo a lavorare come la grande squadra che siamo stati finora, ha dichiarato Checo. 

Dunque, pare che i toni si siano calmati e che la fase distensiva abbia avuto inizio. Ma riuscirà davvero il team a frenare l’ego del neo campione del mondo Max Verstappen evitando che si verifichi una situazione simile? D’altra parte, non è certo con una semplice frase che la tensione tra i due possa annullarsi del tutto. Quel che è certo è che adesso il team di Milton Keynes dovrà concentrarsi sull’ultimo appuntamento di stagione che si terrà ad Abu Dhabi cercando di ottimizzare il più possibile e conquistare il secondo posto al modiale piloti.

 

 

 

Federica Incatasciato

Siciliana, classe '97, a Torino. Ho una laurea magistrale in Ingegneria Biomedica. Sono perfezionista fino al midollo e super scaramantica, cerco di sfruttare sempre il mio tempo in maniera proficua per imparare più cose possibili. Mi piace leggere e scrivere di politica, storia, letteratura e Formula 1. Fin dal liceo ho coltivato la mia passione per le auto da corsa e in particolare per la Formula 1. Essendo un'ingegnere, della Formula 1 mi affascina molto tutto il lavoro che c'è dietro a quelle monoposto, frutto di studio, strategia e collaborazione all'interno del team.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio