DichiarazioniFormula 1

Russell: “Possiamo battere Ferrari”

Mancano due gare al termine della stagione 2022 di Formula 1 e, per quanto i titoli siano già stati assegnati, due team ancora lottano per il secondo posto tra i costruttori

George Russell parla delle possibilità della Mercedes: superare Ferrari sì, ma una vittoria?

Il Gran Premio del Messico ha rappresentato per Mercedes il miglior weekend in termini di prestazioni. Dopo una qualifica in seconda e terza piazzola, per la prima volta le frecce d’argento hanno concretamente raggiunto prestazioni simili ai due team di testa. Addirittura hanno mostrato un passo decisamente migliore delle Ferrari, arrivando secondo (Hamilton) e quarto (Russell), con i due del cavallino in quinta e sesta posizione. Red Bull sembra invece davvero irraggiungibile, ma il livello a cui sono arrivate le vetture della squadra di Stoccarda è stato sicuramente il più competitivo della stagione. In vista delle ultime due gare, George Russell valuta le possibilità di Mercedes di agguantare una vittoria, o quantomeno di arrivare secondi nei costruttori.

Sfumata la possibilità in Messico, difficile finire davanti a Red Bull

Il giovane numero 63, quando interrogato circa le chance della sua scuderia di ottenere un successo nelle gare rimanenti, ha rimarcato come le prestazioni della loro monoposto siano state altalenanti. “Abbiamo dimostrato che tra questi due weekend di gara [negli Stati Uniti e in Messico] c’è stata una certa fluttuazione nelle prestazioni, ha detto il britannico a Sky Sports F1. “Sento che probabilmente questo fine settimana [in Messico] avevamo la macchina più veloce e, se avessimo avuto la stessa strategia della Red Bull, probabilmente avremmo potuto lottare con loro”.

“Probabilmente il Brasile sarà a metà strada tra i due [livelli di prestazione]. Realisticamente, quest’anno sarà molto difficile finire davanti alla Red Bull in qualsiasi gara. Ma la Ferrari penso che possiamo sicuramente batterla“. Le ultime prestazioni deludenti del Cavallino, unite alla buona performance delle frecce d’argento, infatti, hanno reinstaurato una speranza nel team tedesco. A seguito del GP del Messico, il distacco tra le due scuderie si è ridotto a soli 40 punti, il che permette a Mercedes di lottare concretamente per il secondo posto in classifica costruttori.

Anche Wolff ha detto la sua circa le prospettive per le ultime gare: Bisogna stare attenti a non fare ipotesi affrettate; loro [la Ferrari] non sono stati chiaramente veloci questo fine settimana, ma è stato anche – secondo le nostre simulazioni – il nostro miglior fine settimana, ha spiegato Wolff. Vediamo cosa succederà in Brasile. Arrivare secondi sarebbe fantastico per tutta la nostra gente, e una vittoria sarebbe comunque fantastica. Inoltre [dimostrerebbe] che la macchina è veloce“.

 

Carlotta Ramaciotti

Da 20 anni appassionata di sport. L'amore per i motori nasce dal papà e cresce insieme alla mamma e a questo si lega la passione per la scrittura. Obiettivo: fare della mia passione il mio lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button