Formula 1

Racing Point e Alpha Tauri avranno aggiornamenti anche la prossima stagione?

Nonostante i regolamenti congelino gli sviluppi, alcuni team potrebbero comunque avvantaggiarsi: scatta qualche protesta

Le nuove norme tecniche che avrebbero dovuto semplificare la Formula 1 ed aumentarne lo spettacolo per il momento non sembrano avere successo. E il pericolo che la situazione sfugga di mano c’è

 

Il nuovo regolamento tecnico emanato qualche settimana va a bloccare lo sviluppo delle auto per il 2021. Le uniche modifiche consentite saranno quelle legate alla sicurezza, all’ affidabilità e ad altre poche eccezioni. Lo scopo principale di questa novità è il contenimento dei costi. I team in pratica dovranno congelare fino al termine del 2021 una lunga serie di componenti, alcuni dei quali saranno omologati il 5 luglio, in Austria, altri all’ottava gara, in Italia.

Le parti in questione sono molto numerose: monoscocca e strutture di sicurezza, alcune componenti aerodinamiche, trasmissione, sospensioni, freni, sistema di alimentazione, sistemi idraulici, serbatoi olio, sistema di raffreddamento, sistemi elettronici, attrezzature per pit-stop, estintori e il sistema che permette al pilota di bere durante prove e gara.

Se ci fosse bisogno di intervenire per aggiornare le vetture si potrebbero utilizzare dei ‘token’, per l’esattezza due. Dunque gli interventi possibili non avranno grossa influenza a livello prestazionale.

Le nuove direttive presentano però una grossa zona grigia che potrebbe essere sfruttata da team come Racing Point e AlphaTauri. Queste due squadre ricevono pezzi da Mercedes e Red Bull, già da tempo. La loro strategia nel 2021 potrebbe essere quella di utilizzare parti provenienti da questi top team perchè già omologate nei limiti di tempo consentiti.

Stando a quanto riportato da Roberto Chinchero su Motorsport.com due squadre hanno già contattato la FIA per sollevare la questione. A rimetterci ovviamente, qualora la FIA non corresse ai ripari, saranno i team di medio bassa classifica, che invece non potranno realizzare aggiornamenti di nessun tipo.

Pubblicità

Gabriele Gramigna

Mi chiamo Gabriele, sono un ragazzo molisano e studio chimica all'università di Padova. Dal 2018 scrivo per F1World, cercando di trasmettere la mia passione per la Formula 1 in tutti i miei articoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Utilizziamo servizi di terze parti per analizzare il traffico sul nostro sito e restare in contatto con i nostri visitatori. Vengono quindi trattati dati di navigazione, indirizzi IP anonimizzati e altri dati simili per mezzo di cookie, come indicato nelle nostre policy. Accettando l’uso dei cookie ci aiuti ad offrirti una esperienza migliore con noi.