DichiarazioniFormula 1

Perez: “Oggi mi sento molto più preparato come pilota”

Il messicano riconosce i suoi progressi legati al suo percorso in Racing Point. In merito al suo futuro in caso di addio lo farà a testa alta

Sergio Perez pilota messicano attualmente in Racing Point, fa il punto della situazione dopo il weekend del GP Turchia e in vista del suo futuro

Sono passati pochi giorni dal GP di Turchia e dal podio, sul quale è salito anche Sergio Perez. Il pilota messicano è riuscito per pochissimo a difendere la sua posizione e tagliare il traguardo in seconda posizione a bordo della sua Racing Point.

In questi giorni Sergio Perez ha rilasciato un’intervista al sito web Race Fans, dove ha fatto intendere di essere cresciuto molto come pilota proprio grazie a questi anni trascorsi in Racing Point.

Ho imparato un sacco. Aver trascorso sette anni con un team diverso, rimanendo in Formula 1, mi ha permesso di crescere in termini di maturità, conoscenza, esperienza. Oggi sono un pilota totalmente diverso e soprattutto, molto più preparato rispetto a quando ero in McLaren,” ha così spiegato Checo.

Attualmente il messicano si trova in quarta posizione nel mondiale piloti con 100 punti, ma assicura che avrebbe dovuto ottenere molto di più. Perez è stato assente nei due gran premi disputati a Silverstone, dopo essere stato risultato positivo al covid-19, per questo motivo non ha potuto racimolare ancora più punti.

“Avrei dovuto ottenere più punti. Non aver preso parte a due gare non è stato l’ideale in una stagione così corta. Tuttavia, credo che in linea generale di essere contento, anche per la mia capacità di essere costante durante tutto l’anno,” ha poi aggiunto il pilota messicano.

CHECO: “IN CASO DI ADDIO ALLA FORMULA 1, LO FARO’ A TESTA ALTA”

A fine stagione 2020, Checo dirà addio alla Racing Point e attualmente non ha un sedile per il prossimo anno. Ciò nonostante, lo stesso pilota messicano è consapevole che la Formula 1 è fatta così e si considera fortunato per aver avuto una carriera come la sua.

Credo che fa parte della Formula 1. Ho sempre saputo come vanno le cose qui. Mi considero un privilegiato, ho avuto una bella carriera durata quasi dieci anni,” ha poi aggiunto Perez.

Prima di concludere, Sergio Perez dichiara che sente di aver dato il massimo nel corso di questi dieci anni come pilota, nella categoria regina. Se non dovesse trovare un sedile per il 2021, si definisce comunque molto orgoglioso del lavoro svolto: “Nel caso in cui dovessi andare via dalla Formula 1, lo farò a testa molto alta perché ho realizzato tutto con le risorse che ho avuto, considerando che non ci sono state molte persone che hanno avuto una carriera come la mia. Quindi vedremo come andrà e cosa succederà, io sono comunque in pace con me stesso”.

Pubblicità

Giorgia Meneghetti

Mi chiamo Giorgia, nata nel 1986, e residente a Fermo nelle Marche. Diplomata in Perito del Turismo, e con ottime conoscenze di lingue straniere: Inglese, Francese, Spagnolo. La Formula 1 è una delle mie più grandi passioni, che seguo dal 1998. Grazie ai suoi protagonisti, piloti, monoposto, team ne sono rimasta talmente stregata, tanto da spingermi a scrivere, raccontarla e viverla attivamente, sognando e sperando di poter un giorno incontrarli, e diventarne parte, e magari in un lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.

Utilizziamo servizi di terze parti per analizzare il traffico sul nostro sito e restare in contatto con i nostri visitatori. Vengono quindi trattati dati anonimi di navigazione e altri dati simili per mezzo di cookie, come indicato nelle nostre policy. Accettando l’uso dei cookie ci aiuti ad offrirti un’esperienza migliore con i nostri servizi.