DichiarazioniFormula 1

Brawn su Perez: “Sarebbe una follia se non continuasse in F1”

Il direttore generale della Formula 1 difende il talento di Perez affermando che sarebbe una perdita importante qualora abbandonasse il Circus

Dopo la grande prestazione di Perez nel GP di Turchia, Brawn non ha dubbi sulla validità del pilota. Il direttore sportivo poi si congratula con Hamilton.

L’entusiasmante Gran Premio di Turchia di domenica scorsa ci lascia due certezze: la pioggia come toccasana per questa Formula 1 che in condizioni normali appare noiosa, e la conferma di Perez quale pilota su cui puntare se si vogliono ottenere risultati concreti. Il messicano ha compiuto una splendida gara in Turchia giungendo secondo al traguardo. Tuttavia, Checo rischia di rimanere appiedato per la prossima stagione in quanto al suo posto sopraggiungerà Vettel. Per Brawn non rivedere Perez in Formula 1 sarebbe una follia, mettendo fuori dubbio le qualità del messicano.

Il direttore sportivo, sulla sua rubrica del sito ufficiale della Formula 1, elogia il pilota della Racing Point per la grande prestazione nel Gran Premio turco, una gara che ritiene sia stata molto difficile per i piloti causa condizioni della pista. “Perez ha fatto una grande prestazione. L’ho già detto, sarebbe una tragedia se non continuasse in Formula 1 il prossimo anno”- ha dichiarato Brawn. Si merita il posto in griglia, direi che è più che meritato. Se la tua squadra vuole un pilota competitivo per sfruttare ogni occasione, Perez è l’uomo giusto”.

BRAWN: “I MIEI COMPLIMENTI A LEWIS”

Ross Brawn ha voluto poi congratularsi con Lewis Hamilton per la conquista del settimo Titolo Mondiale. Il manager inglese ammette che si diverte ad ascoltare le lamentele del pilota Mercedes nei suoi team radio, prima di tramutarli in grandi risultati. I miei complimenti a Lewis. Oggi ha dimostrato di avere un talento eccezionale. In questo momento è all’apice della sua carriera. Sono sempre alla ricerca dei commenti che fa nei suoi team radio durante la gara, in cui parla di come le cose non stiano andando bene. E’ divertente”. 

Brawn si ritiene fortunato per aver vissuto con due grandi talenti di epoche diverse. Il manager britannico fu il direttore tecnico della Ferrari durante l’era Schumacher e il team principal Mercedes all’inizio dell’avventura di Hamilton con le frecce d’argento. “E’ il tipo di dominio che si vede una sola volta nella carriera della stragrande maggioranza delle persone che lavorano negli sport motoristici. Ho avuto la fortuna di vederlo due volte, ho avuto la fortuna di lavorare sia con Michael che con Lewis”- ha sottolineato Brawn.

 

 

 

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.