Formula 1Gran Premio Giappone

Perchè Suzuka è il campo di battaglia perfetto?

Tutti i team aspettano con trepidazione Suzuka per mettere alla prova i loro progressi

I team di Formula 1 guardano al Gran Premio del Giappone di questo fine settimana come alla prova definitiva per valutare il livello delle loro vetture

Il famoso circuito Honda di Suzuka presenta un mix perfetto di curve ad alta, media e bassa velocità, punteggiate da un lungo rettilineo, con le implacabili esse del primo settore.
Dopo l’asfalto particolarmente abrasivo del Bahrain e i layout unici di Jeddah e Melbourne, molti ingegneri di spicco si aspettano che Suzuka sia il miglior test per stabilire dove le loro vetture si collocheranno nell’ordine gerarchico.

“Per come è organizzato il calendario quest’anno, penso che dopo quattro gare avremo una buona idea di dove siamo” ha detto il veterano della Ferrari Jock Clear.
“Il Giappone è un circuito fantastico per misurare un’auto. Su quel tipo di circuito scopriremo molto.”

Il direttore tecnico della Mercedes, James Allison, è d’accordo, dicendo: “È una pista con molte curve veloci e anche alcuni tornanti un po’ lenti, quindi un vero test per la macchina”. Quest’anno il Gran Premio del Giappone è stato anticipato rispetto alla consueta data autunnale. Ciò significa che i team possono valutare con maggiore precisione come è cambiato il loro livello di competitività rispetto alla fine dello scorso anno e valutare i loro progressi durante l’inverno.
Il cambio di calendario sembra essere una buona notizia per la Mercedes, con Alisson che spiega che il fattore principale che la squadra ha scoperto dietro le sue difficoltà quest’anno è che le prestazioni della sua W15 diminuiscono man mano che fa caldo.

Mercedes soffre il caldo ma punta a perfezionarsi

“Se cercassimo di tracciare questo schema, allora probabilmente la correlazione più forte che possiamo fare in questo momento è che la nostra competitività diminuisce quando la pista è calda, quando la giornata è più calda e quindi le temperature degli pneumatici“, ha detto Allison.
La nuova data di Suzuka è rilevante anche per la rivale della Mercedes, la McLaren , che ha iniziato il 2023 con il piede indietro ma aveva già revisionato massicciamente la sua vettura quando è arrivata in Giappone, conquistando un doppio podio con Lando Norris e Oscar Piastri.

I suoi progressi anno dopo anno in Bahrein, Arabia Saudita e Australia erano evidenti, ma il team di Woking ora ha la migliore indicazione di quanto sia effettivamente progredito.

La Ferrari è una delle tante squadre che apportano aggiornamenti a Suzuka, ma se sarà sufficiente per sconfiggere Verstappen e Red Bull in gare consecutive è un’altra storia.

A Melbourne, su un circuito ad alto graining, la Ferrari è stata particolarmente forte, anche se sono stati necessari i problemi ai freni di Verstappen perché Carlos Sainz riuscisse a prendere il comando prima del ritiro anticipato dell’olandese.

Valerio Vanazzi

Classe 1999. Laureato in Storia Contemporanea ma anche Perito meccatronico. Appassionato di cinema e motori, nonché grande tifoso McLaren. Da marzo 2022 redattore per F1world.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio