2016Curiosità dalla F1

Formula 1 | Nazionale Piloti partecipa al Champions for Charity dedicato a Schumacher

Un salto in campo prima di scendere in pista. Ieri sera, alla Coface Arena di Magonza, la Nazionale Piloti si è riunita per giocare al Champions for Charity Match in onore al leggendario Michael Schumacher, ancora in condizioni di salute molto precarie a seguito dell’incidente sugli sci del 29 dicembre 2013.

Alla partita i piloti hanno schierato Daniel Ricciardo, Sebastian Vettel, Felipe Massa, Nico Rosberg e altri affiancati a Mika Hakkinen, Timo Glock, David Coulthard, che hanno affrontato star del calcio come Dirk Nowitzki, Lukas Podolski, Sebastian Kehl, Miroslav Klose. Nella squadra rappresentante i motori c’era anche un membro onorario, il 17enne Mick Schumacher, figlio di Michael e pilota della F4 italiana.

L’evento calcistico dedicato al 7 volte campione del mondo aveva inoltre lo scopo di raccogliere fondi per la fondazione Dirk Nowitzki, finalizzata al supporto di giovani dal passato travagliato nell’area di Wurzburg, e l‘organizzazione BasKIDball. 

Durante la partita gli spettatori hanno assistito a gag e immagini significative: dall’imitazione della corsa di Zaza ai rigori nell’ultima partita dell’Italia agli Europei, alla collaborazione tra Sebastian Vettel e il piccolo Mick, che non può non far pensare a suo padre.

Le sporadiche informazioni su Schumacher diffuse da Sabine Kehm non solo riflettono i miglioramenti della salute del tedesco, ma anche la sua volontà, come ha spiegato la portavoce.

“In generale i media non hanno mai parlato della vita privata di Michael e Corinna. –dichiara la Kehm-Una volta, durante una lunga discussione, mi ha detto “Non c’è bisogno che mi chiami per un anno, sto sparendo”. Credo fosse il suo sogno nel cassetto quello di essere in grado di sparire un giorno. Ecco perché ora continuo a voler proteggere il suo desiderio e non lascio che alcuna informazione esca.”

Topics
Pubblicità

Beatrice Zamuner

Mi chiamo Beatrice, ho 20 anni e faccio parte di F1World da 4 anni. Ho frequentato il Liceo Classico Franchetti a Mestre e ora studio lingue a Ca Foscari. Da un anno scrivo anche in inglese e attualmente scrivo e realizzo video per MotorLAT. L’interesse per la F1 è nato dalle vittorie di un giovane ma carismatico Fernando Alonso. Da grande vorrei diventare giornalista sportiva, perché ritengo che unire passione e professione sia la cosa migliore che un individuo possa attuare in tutta la propria vita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close