DichiarazioniFormula 1

Mercedes non sottovaluta il passaggio alla benzina E10

Il nuovo carburante della Formula 1 rappresenta una sfida davvero impegnativa per i team

I campioni del mondo costruttori sono convinti che l’adattamento delle power unit alla benzina E10 non sia da dare per scontato

Fra tutte le innovazioni previste per il 2022 dal regolamento tecnico, non deve passare in sordina il passaggio della Formula 1 alla benzina E10. In Mercedes sono convinti che si tratti di uno dei cambiamenti più significativi dell’era ibrida. Alla base di questa novità c’è l’intento da parte della Formula 1 di diventare sempre più ecosostenibile: l’obiettivo ultimo è quello di eliminare dal carburante ogni traccia di carbone entro il 2030. Fino al 2021, le monoposto erano state alimentate da una miscela E5 composta al cinque per cento da etanolo e, al novantacinque per cento, da tradizionali combustibili fossili. Nel 2022, la quantità di etanolo salirà al dieci per cento.

PAROLA D’ORDINE: LIMITARE LA PERDITA DI POTENZA

I test sulla benzina E10 sono cominciati a luglio 2021, e alcune voci avevano suggerito che la perdita di potenza iniziale per le power unit si aggirasse fra gli 80 e i 110 cavalli. Da allora tutti i costruttori hanno lavorato alacremente per risolvere il problema, e ad oggi il deficit dovrebbe ammontare a 20 cavalli. La questione era stata affrontata recentemente da Helmut Marko. Negli ultimi giorni si è espresso sull’argomento anche Hywel Thomas, capo ingegnere della Mercedes per il progetto power unit.

Il processo di sviluppo del carburante si sta svolgendo sotto forma di collaborazione fra noi e la Petronas“, ha spiegato Thomas. “L’obiettivo comune è far sì che la nuova benzina e la power unit si adattino reciprocamente nel miglior modo possibile. Tutto nasce da un progetto studiato a regola d’arte, per assicurarci che lo sviluppo proceda nella direzione giusta. Abbiamo vagliato molte opzioni, fatto test con un singolo cilindro in funzione e successivamente con un intero motore V6… Non va sottovalutata la quantità di lavoro che questo ha richiesto”.

È dall’inizio dell’era ibrida che la benzina è composta anche da elementi biologici, ha proseguito Thomas. “Da regolamento, doveva trattarsi del 5.75 % del volume complessivo. A partire dal 2022, la percentuale è aumentata a 10, e l’utilizzo dell’etanolo fra i componenti biologici è diventato obbligatorio“. Questo cambiamento ha prodotto finora risultati contrastanti. “In alcune aree abbiamo ottenuto subito ottimi riscontri, ma in altre c’è ancora molto da lavorare sulla performance. Dobbiamo far sì che power unit e benzina si integrino nel miglior modo possibile, per massimizzare i benefici di quello che funziona e ridurre al minimo gli effetti negativi di ciò che ancora è imperfetto”, ha concluso Thomas.

Alessandro Bargiacchi

Sono toscano doc, nato a Firenze nel 1992. Adesso vivo in Casentino. Ho una laurea triennale in scienze politiche e una magistrale in semiotica. Adoro la musica e il teatro, così come lo sport, e a queste passioni cerco di dedicare tutto l'impegno e il tempo possibile. I miei primi ricordi legati a un Gran Premio 1 risalgono a Silverstone 1999, alle immagini sbiadite di Schumacher che colpisce violentemente le barriere di protezione. Negli anni, crescendo e cominciando a capire un po' meglio come funziona una gara automobilistica, sono diventato un vero appassionato di Formula 1, con un sincero amore sportivo nei confronti di Kimi Räikkönen, che ho avuto la fortuna di tifare per 20 anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.