McLaren: Andrea Stella promosso a racing director

La scuderia britannica ha completato una riorganizzazione interna dello staff in vista della prossima stagione di Formula 1

L’eccellenza motoristica italiana non passa solo per la gloriosa storia di alcune case automobilistiche, ma anche per uomini che si sono contraddistinti per le loro qualità, ultimo tra questi Andrea Stella

Entrato nella gestione sportiva della Scuderia Ferrari nel 2000, Andrea Stella dal 2010 divenne ingegnere di pista e spalla più fidata di Fernando Alonso, accompagnandolo in cinque emozionanti stagioni in cui arrivarono a sfiorare il titolo all’ultima gara per ben due volte. In seguito, seguendo il due volte campione del mondo, l’ingegnere italiano è approdato in McLaren, con il ruolo di performance director.

L’impegno e le grandi qualità di Stella, oltre che dallo stesso Alonso, sono state riconosciute anche dal team principal Andreas Seidl, il quale lo ha premiato con una promozione al ruolo di racing director per la prossima stagione. Il manager della scuderia di Woking, infatti, ha appena completato un lungo lavoro di riorganizzazione interna del team e ha divulgato alla stampa i nuovi ruoli assegnati.

Andrea Stella avrà ora la responsabilità dell’ingegneria durante le gare e dei compiti operativi dei Gran Premi. Inoltre, manterrà i suoi precedenti incarichi di ingegnere e lavorerà fianco a fianco con il direttore tecnico James Key.

MCLAREN, UNA RIVOLUZIONE PARTITA DA LONTANO

La mossa compiuta da Seidl sarà utile alla McLaren per installare una struttura del management di livello superiore, che consentirà al team inglese di ottenere dei report più chiari e una linea decisionale semplificata. Oltre a Stella, la gestione del team ricadrà anche su Piers Thynne, direttore della produzione, e Paul James, team manager, i quali risponderanno direttamente al boss della McLaren F1.

Dopo diverse stagioni di buio assouto, la scuderia di Woking è stata al centro di una rivoluzione avviata nel 2018 dall’amministratore delegato Zak Brown. Questa trasformazione interna è cominciata con il reclutamento di James Key (ex Toro Rosso) e da Andreas Seidl (ex Porsche). Con l’approdo di queste due importanti figure, la McLaren ha goduto di una sorta di risveglio, culminato con il quarto posto in classifica costruttori della stagione appena concluso.

Ma mentre il team lavora per colmare il divario con i tre top team, gli ingegneri stanziati in sede sono già pronti a lavorare per il campionato 2021, quando oltre ai nuovi regolamenti arriveranno le power unit Mercedes.

“Guardando al futuro, dobbiamo mantenere questo slancio e continuare a spingere per raggiungere i nostri ambiziosi obiettivi, ha affermato Seidl. “Allo stesso tempo, non dovremo sottovalutare ciò che i nostri concorrenti possono fare. Hanno tutti gli stessi grandi obiettivi e lavoreranno duramente”.

Pubblicità

Alberto Lanzidei

Mi chiamo Alberto, ho 24 anni e la mia passione sono le automobili. Seguo con attenzione il mondo delle corse e in particolare la Formula 1, massima espressione del motorsport. Sin dall'adolescenza il mondo dell'informazione sportiva attirava la mia curiosità, senza immaginare che un giorno ne sarei entrato a far parte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button