DichiarazioniFormula 1

L’incubo Mercedes: ogni gara è ormai un’incognita

George Russell ha manifestato tutta la sua frustrazione nel parlare dei passi avanti (e indietro) fatti dalle Frecce d’Argento fino a oggi

In Mercedes qualche passo avanti è stato fatto, ma non pare sufficiente per giocarsela davvero

La grande solidità e continuità mostrata dal giovane pilota inglese, che fin qui è riuscito a piazzarsi sempre tra i primi cinque della griglia, mette un po’ in secondo piano le numerose difficoltà della Mercedes, che non ha iniziato la stagione come pensava. Dunque, a parte qualche sprazzo di reale competitività, la linea generale seguita dalla W13 è quella che porta abbastanza lontano gli uomini delle Frecce d’Argento dalle performance necessarie per impensierire seriamente i diretti rivali di Ferrari e Red Bull. Qualche passo in avanti è stato compiuto, senza dubbio, ma il livello attuale non è ancora sufficiente. La preoccupazione maggiore per i campioni del mondo in carica è proprio legata alla mancanza di costanza nell’arco delle settimane.

E’ ormai palese infatti che a Brackley non riescano del tutto a prevedere il comportamento delle monoposto nelle varie piste del calendario. Un’incertezza che sta diventando un vero tarlo. Russell non si è lasciato sfuggire qualche parole di sconforto a riguardo, nonostante i soddisfacenti risultati sin qui ottenuti.

Incubo Mercedes: Russell mette le mani avanti

Il numero 63 di casa Mercedes è proiettato su Silverstone, prossima tappa del mondiale e casa delle Frecce d’Argento. Quali sono le aspettative? Potremo effettivamente assistere a una “rinascita” tecnica? “Mi piacerebbe pensare che la natura ad alta velocità della pista si adatti maggiormente a noi, ma non ci sono garanzie. Ogni circuito su cui siamo stati ci ha gettato nell’ignoto“, ha spiegato George a MotorsportWeek, “Affrontiamo problemi diversi ad ogni gara a cui andiamo. Mi piacerebbe pensare che saremo più competitivi, ma non lo so“.

Gli anglo-tedeschi assicurano che non è facile per loro trovare una quadra e hanno spiegato che, anche con configurazioni differenti, non ottengono i risultati sperati: “Risolviamo un problema e cadiamo in un’altra trappola. Abbiamo gareggiato con la vettura più alta, poi più bassa, e le prestazioni non sono migliorate né peggiorate. Quando corri più alto hai effetti di un certo tipo, quando sei in basso ne hai di diversi. Non sembra esserci nessun punto a nostro favore al momento; è un qualcosa di davvero difficile da superare“, ha poi concluso.

Erika Mauri

Metà brianzola e metà romana, ho una Laurea Triennale in Lingue Straniere e una Laurea Magistrale in Linguistica, entrambe conseguite nella Capitale; da sempre amo scrivere e lavorare con la lingua italiana in tutte le sue forme. Mi definisco una persona dinamica, intraprendente, coraggiosa e amante delle sfide, faccio della mia capacità organizzativa e del problem solving due delle mie qualità migliori, insieme alla facilità di collaborare con altri in gruppo e a un pizzico di anticonformismo. Amo viaggiare e sono appassionata di tecnologia, spazio, cinema, musica, lettura e, ovviamente, di Formula 1.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.