2019Formula 1Gran Premio Singapore

Leclerc cauto sulle prestazioni della Ferrari a Singapore

Il pilota della Ferrari, Leclerc, consiglia al suo team di rimanere realistico riguardo le possibilità a Singapore

Il pilota della Ferrari, Charles Leclerc, ritiene che la Ferrari debba rimanere realistica riguardo alle sue possibilità di vittoria nel Gran Premio di Singapore 2019.

Charles Leclerc ha ottenuto la sua prima vittoria in carriera in Formula 1 nel Gran Premio del Belgio 2019, prima di ottenere la sua seconda vittoria consecutiva nel Gran Premio d’Italia lo scorso weekend.

Ricordando che il giovane pilota monegasco ha dedicato la sua prima vittoria in carriera nella massima serie automobilistica, al suo amico Anthoine Hubert, pilota scomparso nel sabato dello stesso weekend del Belgio, a causa di un terribile incidente.

La seconda vittoria, è stata molto più sentita da Leclerc, non solo perchè solo in pochi hanno conquistato due vittorie consecutive al loro esordio con la Ferrari, ma anche perchè ha vinto il Gran Premio di casa del team. In un ambiente emozionante un podio “unico” a detta di tutti i piloti di Formula 1.

Tuttavia, ci si aspettava che la Ferrari su piste come Spa-Francorchamps e Monza, che favoriscono la velocità in rettilineo, punto forte del team di Maranello, facesse bene così come ha fatto con il giovane pilota monegasco.

Ma Leclerc avverte che il team deve rimanere realistico con il prossimo appuntamento del mondiale che si disputerà a Singapore, che non dovrebbe adattarsi alle caratteristiche della SF90 a basso carico aerodinamico.

Il giovane Leclerc, ha infatti dichiarato: “Dobbiamo rimanere realistici. Penso che ci aspettassimo che Spa e Monza sarebbero state delle ottime gare per la nostra macchina, ma sappiamo anche che le prossime gare saranno molto più difficili per la nostra macchina”.

Infine, conclude Charles: “Quindi, dobbiamo essere realistici e, si, non sarà facile. Penso soprattutto a Singapore. Penso che sarà una bella sorpresa se siamo migliori di quello che ci aspettiamo – ma di ciò che ci aspettiamo – ma ci aspettiamo di lottare lì”.

Topics
Pubblicità

Ruggiero Dambra

Mi chiamo Ruggiero e sono un ragazzo di 20 anni, studente di giurisprudenza (presso l'UniBa) ma appassionato di Formula 1 fin da bambino e tifoso della Ferrari, ma quando scrivo metto da parte ogni fede e divento il più imparziale degli imparziali. Tifoso di Kimi Raikkonen e Fernando Alonso ma allo stesso momento di ogni pilota che passa sul sedile della rossa di Maranello. Il mondiale? Mi auguro che lo vinca sempre il migliore.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close