2019Dichiarazioni dei PilotiFormula 1Gran Premio Austria

Lando Norris: ancora una qualifica da “big” ora che anche la McLaren lo supporta

Lando Norris è sempre più protagonista di questa Formula 1: il ragazzino dal grande self-humor è arrivato a sfidare i big anche grazie ad una McLaren in crescita

Topics

Seconda top five consecutiva in qualifica: Lando Norris si sta rivelando un talento cristallino, mentre la McLaren cerca di tornare ai fasti del passato. Il giovanissimo pilota britannico, al primo anno di Formula 1, non ha subito la pressione del più esperto Carlos Sainz e sin dalla qualifica dell’Australia ha mostrato le sue potenzialità.

Nonostante l’handicap di dover imparare alcune piste ad inizio weekend, (quelle non presenti nel calendario della FIA F2) Lando ha dimostrato grande adattabilità, rimanendo sempre vicino, se non davanti, al proprio attuale compagno di scuderia. Norris si è anche rivelato un personaggio molto divertente sui social, facendo spesso e volentieri ironia su azioni che lo hanno visto protagonista nel weekend di gara.

Con la sesta posizione conquistata in Austria, Norris si trova all’ottavo posto della classifica Mondiale, con 22 punti è appena alle spalle del proprio compagno di team. Dopo l’ottima prestazione dello Spielberg, Norris ha commentato gli episodi che lo hanno visto protagonista ed in lotta contro top teams e top drivers nelle prime fasi della gara:

“Avevo qualche dubbio se girare in quel modo in curva 1 però, avevo fiducia in Lewis che non avrebbe fatto niente di stupido, specialmente nella situazione in cui si trova” – ha esordito Norris a Motorsport Week. “Io posso, in qualche modo, correre più rischi di lui. Ero al suo esterno alla curva 1, il che non era facile.”

Ci sono moltissimi aspetti nei quali posso guadagnare qualcosa: imparare a gestire le gomme, la batteria, piuttosto che guadagnare una posizione in curva 1 facendo qualcosa di stupido. Forse mi sono limitato più di quanto avrei voluto, (in alcune delle gare precedenti n.d.r.) ma penso di aver fatto la scelta più sicura per una buona ragione. Come hai visto, se voglio spingere, e ho bisogno di farlo, posso stare più avanti.”

Non solo Lewis Hamilton, Norris nei primi giri si è ritrovato in lotta anche con Max Verstappen, partito male poi vincitore del Gran Premio e Sebastian Vettel, in rimonta dopo la sfortunata qualifica del sabato:

Max ha faticato a superarmi inizialmente, ma ovviamente è poi andato a prendersi la vittoria quindi è facile poter vedere che loro avevano un grande vantaggio di passo. Ma non è stato facile per lui passami nei primi giri” – ha dichiarato il britannico ad Autosport.

“È stato bello poterli sfidare, puoi capire dove ti stanno guadagnando e dove forse non sono lontani in termini di ritmo rispetto al nostro. È stato un breve incantesimo essere in competizione con ragazzi che sono più veloci di noi, ma è lì che vogliamo essere alla fine, quindi se continueremo a lavorare duramente e vedremo se un giorno combatteremo contro di loro”.

Topics
Pubblicità

Samuele Fassino

Mi chiamo Samuele, ho 19 anni. Sono un grande appassionato di motori, specie di Formula 1 nella quale spero di lavorare un giorno. Oltre ai motori le mie passioni si estendono al calcio ed alla filosofia anche se, più in generale, mi piace tenermi informato su qualsiasi tema. Sono molto determinato e cerco sempre ottenere il massimo da ogni situazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button