2019Formula 1Gran Premio Austria

Christian Horner: “Una penalità sarebbe stata incomprensibile”

Per Christian Horner il duello tra Verstappen e Leclerc, avvenuto durante i giri finali del Gran Premio d’Austria, è stato corretto

Il Gran Premio d’Austria è stata una delle gare di Formula 1 più emozionanti degli ultimi anni. Max Verstappen, scivolato nelle retrovie dopo una brutta partenza, ha offerto al pubblico una rimonta pazzesca e il duello per la vittoria con Charles Leclerc ha infiammato ulteriormente le tribune colorate d’arancione del Red Bull Ring. L’olandese, tuttavia, al termine della gara, è stato sottoposto a delle indagini da parte della FIA per il contatto avvenuto al momento del sorpasso della Ferrari numero #16. La decisione degli steward di confermare il podio ha sfavorito nuovamente la Scuderia Ferrari ed ha dato agio a nuove polemiche, messe immediatamente a tacere da Christian Horner.

Il team manager della Red Bull Racing, durante le interviste di rito, si è detto soddisfatto della prima vittoria con il nuovo motore Honda e ha affermato di non aver nemmeno pensato a cosa sarebbe potuto succedere in caso di penalità a Verstappen. “Non vale nemmeno la pena pensarci, francamente hanno preso la decisione giusta.”

Nonostante la diatriba tra Ferrari e Mercedes per quanto avvenuto durante il GP del Canada, la scuderia austriaca, quindi, non ha mai messo in dubbio la legittimità del sorpasso fatto dal proprio pilota. Sarebbe stato incomprensibile anche solo pensare di cambiare il podio dopo una gara del genere. È stata una corsa fantastica, il tonico di cui la Formula 1 aveva bisogno.”

“Malgrado l’incertezza, noi eravamo convinti che fosse tutto ok. Ovviamente, però, spetta agli steward la decisione finale. Credo che Tom Kristensen e gli altri commissari abbiano fatto la scelta giusta. Forse un giorno le indagini andranno contro di noi ma questa volta è stata una gara leale e difficile. La Formula 1 dovrebbe essere sempre così.

Per Christian Horner il sorpasso subito da Leclerc è stato assolutamente corretto, dato che Verstappen era già davanti alla Ferrari prima dell’entrata in Curva 1. “Se notate bene, Max era già davanti. A quel punto spetta all’altro pilota rallentare e provare il controsorpasso. Questa è l’analisi effettuata dagli steward.”

Topics
Pubblicità

Alberto Lanzidei

Mi chiamo Alberto, ho 24 anni e la mia passione sono le automobili. Seguo con attenzione il mondo delle corse e in particolare la Formula 1, massima espressione del motorsport. Sin dall'adolescenza il mondo dell'informazione sportiva attirava la mia curiosità, senza immaginare che un giorno ne sarei entrato a far parte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close