DichiarazioniFormula 1

La ricetta Ferrari per battere la Red Bull

Il pilota madrileño ha la sua ricetta che potrebbe permettere al Cavallino Rampante di risultare vincente a fine stagione

La Ferrari non si arrende anche se il vantaggio della Red Bull si è fatto importante sia nella classifica dei Piloti sia in quella riservata ai Costruttori

Il team di Milton Keynes, nonostante un avvio di campionato incerto, si è ripreso. E alla grandissima. Quelli della Red Bull sono riusciti a sfruttare ogni singola opportunità che gli si è parata davanti, hanno massimizzato il risultato, sono riusciti a migliorare lo sviluppo della RB18 in tempi record e soprattutto, hanno commesso meno errori rispetto ai diretti avversari della Ferrari.

Grazie a tutti questi fattori e alla maturità mostrata dal loro top driver, Max Verstappen, quando ci troviamo praticamente a metà stagione sembrerebbe proprio che niente e nessuno possa portare via i titoli Piloti e Costruttori dalle mani della Red Bull. E arrivati proprio a questa parte della stagione, soprattutto per chi insegue in classifica, è difficile esimersi dal fare il punto sulla stagione. E quello della Ferrari non può avere esito positivo.

Spezzare i sogni di Verstappen? Una mission (im)possible

Quando mancano nove Gran Premi alla conclusione del campionato 2022 di Formula 1 l’olandese della Red Bull è sempre più involato verso al conquista del suo secondo alloro iridato e la Ferrari, sebbene sembri una mission impossible, è l’unica scuderia in grado di spezzare i sogni di Verstappen. Ma per riuscire in questo obiettivo a Maranello bisogna smettere di fare errori. E, anche, sperare nella buona sorte e nel fatto che l’attuale campione del mondo in carica inizi a commettere qualche errore.

Questo per lo meno è il pensiero di Carlos Sainz. Il pilota madrileño della Ferrari ha la sua ricetta che potrebbe permettere al Cavallino Rampante di risultare vincente a fine stagione. Una cosa è certa: la Rossa continuerà a lottare, fino all’ultima curva.

Credo che sia chiaro cosa la Ferrari debba fare. Ossia vincere le gare che Verstappen vorrebbe vincere perché è ovvio che riuscire a ottenere i 25 punti del gradino più alto del podio farà la differenza a fine anno – ha raccontato il pilota spagnolo ai colleghi di Motorsportweek – Credo che possano accadere ancora tante cose da qui a fine stagione. La sfida che vede impegnate Ferrari e Red Bull proseguirà ancora per i prossimi Gran Premi. È vero, per recuperare terreno ci servirebbe un po’ di fortuna, a esempio qualche problema di affidabilità della loro vettura, ma il Mondiale è ancora tutto aperto e non molleremo fino a quando sarà la matematica a farci fuori“.

La Ferrari non mollerà fino a quando i numeri non la faranno fuori

La F1-75 è una vettura progettata per tornare sul tetto del mondo della Formula 1 e la Ferrari ha due grandi piloti. Tutti lo sanno. Eppure i numeri sembrano dare contro al Cavallino Rampante.
Verstappen è il leader indiscusso della classifica con 258 punti vincendo otto delle tredici gare disputate. Ma la cosa che ha maggiormente impressionato gli avversari è che l’olandese sia riuscito a salire sul gradino più alto del podio anche in Ungheria. Ha vinto a sorpresa partendo dal decimo posto sulla griglia di partenza.

Non arrendersi mai è la regola numero uno nello sport. Fino a quando non sarà impossibile, devi continuare a crederci e devi continuare a cercare di vincere per cercare di rimanere in lotta – ha proseguito Sainz – Fino a quando non saremo fatti fuori dalla matematica proveremo a crescere e a migliorare come squadra. Tutto quello che stiamo assorbendo quest’anno sarà importante, a livello esperenziale, per le stagioni a venire“, ha concluso.

Eleonora Ottonello

Mi chiamo Eleonora e sono di Genova. Scrivo per passione, nella vita di tutti i giorni sono un'educatrice cinofila. Non ho paura di dire (forse è meglio dire scrivere) quello che penso. Per me la sincerità e la franchezza sono alla base di ogni rapporto umano. Sono pignola e puntigliosa ma disordinata e pasticciona allo stesso tempo.

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio