Formula 1

La Force India è stata citata in tribunale

L’azienda russa Uralkali ha aperto una controversia legale con la Force India per la mancata acquisizione dello scorso anno

Uralkali, società russa produttrice ed esportatrice di fertilizzanti di potassio, ha avviato un’azione legale contro FRP Advisory, proprietari dell’ex team di Formula 1, Force India. La controversia legale risale alla mancata acquisizione della scuderia, in grave difficoltà economica, da parte della società guidata da Dmitry Mazepin nel 2018.

Lo scorso anno la Force India rischiò la bancarotta ma prima del Gran Premio d’Ungheria fu salvata da un consorzio di investitori guidato dall’uomo d’affari canadese, Lawrence Stroll. Per la stagione 2019, la squadra ha cambiato la propria dicitura in Racing Point F1 Team ed ha assicurato un posto da pilota a Lance Stroll, figlio del magnate.

Uralkali contesta quanto deciso da FRP Advisory, che aveva giudicato sfavorevole la proposta ricevuta dai russi. La compagnia chimica, quindi, nel 2020, citerà in giudizio gli amministratori della Force India per “sostanziali danni derivati da un trattamento pregiudizievole e iniquo.

L’azienda controllata da Mazepin sostiene che l’offerta fatta pervenire alla Force India sia stata la più alta tra tutte e ritiene che ci siano stati “travisamenti e mancata trasparenza da parte degli amministratori della scuderia. I dirigenti di Uralkali, infatti, hanno rivelato di aver elaborato un’offerta che variava “tra i £ 101,5 milioni e i £ 122 milioni. La proposta era stata inviata a FRP Advisory con l’intento di assicurare un futuro in F1 al team e avrebbe assicurato un “nuovo programma di investimenti nei futuri 5 anni per spianare la strada verso il successo in campionato.”

“Durante le trattative, Uralkali ha insistito per un processo equo e trasparente per garantire pari opportunità ad ogni offerente. In particolare, avevamo proposto di condurre le offerte mediante la presentazione di buste sigillate. Questa proposta, però, era stata rifutata. Abbiamo sempre sottolineato il nostro desiderio di portare trasparenza e stabilità aziendale e finanziaria alla Force India.

“Sulla base dei fatti che ci sono stati confermati, l’offerta accettata dagli amministratori di FRP Advisory è stata significamente inferiorie alla nostra, che avrebbe dovuto essere la vincitrice dell’appalto. Nonostante la generosa offerta di Uralkali, la migliore tra quelle sul tavolo, la Force India ha scelto di stipulare un accordo di esclusiva con un offerente inferiore. Per questo non abbiamo avuto altra scelta se non quella di avviare un procedimento e chiedere un risarcimento danni. Uralkali intende continuare con vigore le richieste presso l’Alta Corte di Londra.”

Pubblicità

Alberto Lanzidei

Mi chiamo Alberto, ho 24 anni e la mia passione sono le automobili. Seguo con attenzione il mondo delle corse e in particolare la Formula 1, massima espressione del motorsport. Sin dall'adolescenza il mondo dell'informazione sportiva attirava la mia curiosità, senza immaginare che un giorno ne sarei entrato a far parte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.

Utilizziamo servizi di terze parti per analizzare il traffico sul nostro sito e restare in contatto con i nostri visitatori. Vengono quindi trattati dati anonimi di navigazione e altri dati simili per mezzo di cookie, come indicato nelle nostre policy. Accettando l’uso dei cookie ci aiuti ad offrirti un’esperienza migliore con i nostri servizi.