Il mito di Ayrton Senna rivive in una mostra a Torino

ayrton-senna-mostra-alessandro-del-piero-2015-001

È stata inaugurata oggi, in via Gobetti, al numero 10, a Torino. Si chiama Ayrton ed è la mostra tributo dedicata ad Ayrton Senna, l’indimenticato campione del mondo brasiliano di Formula 1, scomparso prematuramente in pista in occasione del GP di San Marino del 1994. L’esposizione, presentata da Alessandro Del Piero e curata dall’Instituto Ayrton Senna, è ospitata presso Adplog, spazio espositivo nel cuore del capoluogo piemontese, che rappresenta un progetto fortemente voluto dall’ex capitano della Juventus, col Patrocinio della Città di Torino e della Regione Piemonte. Caschi, tute e monoposto, tra cui la Lotus 98T John Player Special con cui vinse 2 GP e la Mclaren MP4/8 Honda V12, oltre a video e fotografie epiche dell’amico Keith Sutton.

ayrton-senna-mostra-alessandro-del-piero-2015-002

Al vernissage blindatissimo, erano presenti Alessandro Del Piero e Viviane Senna, sorella di Ayrton e altre personalità del mondo dello sport. «Ayrton Senna è un mito non solo per il mondo dei motori, ma per qualunque sportivo. Dalla sua vicenda umana e professionale, dal suo esempio, è possibile ricavare grandi insegnamenti e sono felice che questa esposizione possa contribuire a mantenere viva la sua memoria, magari soprattutto tra i più giovani – ha raccontato l’ex bianconero – È stato un vero artista, un personaggio a 360 gradi, che è riuscito ad entrare nel cuore della gente per quello che ha fatto fuori dal campo», ha concluso.

ayrton-senna-mostra-alessandro-del-piero-2015-003

La mostra, curata dall’architetto Piergiorgio Pascolati e da Claudio Giovannone, Padrino per l’Europa dell’Instituto Ayrton Senna, sarà visitabile dal 5 febbraio 2015 al 22 maggio 2015, da martedì a venerdì dalle 15 alle 19, sabato e domenica con orario continuato dalle 11 alle 19, al costo di 5 euro, 3 euro per i possessori di Tessera Musei, gratuito Under 13 anni e over 65.

Eleonora Ottonello

Mi chiamo Eleonora e sono di Genova. Scrivo per passione, nella vita di tutti i giorni sono un'educatrice cinofila. Non ho paura di dire (forse è meglio dire scrivere) quello che penso. Per me la sincerità e la franchezza sono alla base di ogni rapporto umano. Sono pignola e puntigliosa ma disordinata e pasticciona allo stesso tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.