DichiarazioniFormula 1

Hamilton: “Non sono interessato ai GP virtuali”

Il sei volte campione del mondo di Formula 1 e pilota della Mercedes, ha dichiarato di non essere intenzionato a partecipare a GP Virtuali

Lewis Hamilton non è intenzionato a partecipare ai Gran Premi virtuali organizzati dalla Formula 1, o dai suoi colleghi del circus e non, infatti ad ammetterlo è stato proprio lui in un video pubblicato sui social della Mercedes.

Da diverse settimane la Formula 1 sta organizzando per intrattenere i suoi fans, data la pausa prolungata a causa dell’epidemia del Covid-19 con dei GP Virtuali, che stanno riscontrando successo e anche partecipazione da diversi piloti ufficiali della massima serie, ma non solo e anche atleti di altri sport, ma Lewis Hamilton difficilmente lo vedremo a bordo del simulatore.

Lo stesso pilota della Mercedes però non denigra come il suo collega Max Verstappen la piattaforma di F1 2019, ma ammette che: “Gioco un po’, ma non mi interessano i giochi di corse. Vedi altri piloti giocare, ma non mi piacciono quei giochi. La Sony mi ha inviato un’intera postazione per Gran Turismo. Sono cresciuto con Gran Turismo e ci ho dedicato molto tempo allora. Ho lavorato molto con loro nel corso degli anni, il che è stato incredibilmente bello”.

Infatti, il sei volte campione del mondo nonostante non sia un fan dei videogiochi di corse, non nega di averci mai giocato: “Ho giocato a Call of Duty con Pierre Gasly e Charles Leclerc . È bello poter avere ancora molti contatti con gli altri”. 

Anche se Hamilton stesso ammette di essere una persona tranquilla, è anche felice di chiamare e avere contatti con gli altri piloti: “Ultimamente sono stato sfaccettato. Chiamo molte persone con le quali non ho avuto grandi conversazioni da molto tempo. Normalmente ti piacerebbe incontrare le persone, ma ora devi raggiungerle in un modo diverso”.

Pubblicità

Ruggiero Dambra

Mi chiamo Ruggiero e sono un ragazzo pugliese di 23 anni, studente di giurisprudenza (presso l'Università degli Studi di Bari) e appassionato di Formula 1 fin da bambino. La mia "carriera" come editore inizia nel 2013 con la creazione di un piccolo blog dedicato inizialmente alla cronaca, per poi occuparsi di motorsport. Successivamente ho scritto per diversi siti riguardanti la F1, fino ad iniziare la mia avventura con F1world nel settembre 2018. Quando mi chiedono chi vincerà il mondiale secondo me, io rispondo: "Il migliore".

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button