DichiarazioniFormula 1Mercato Piloti F1

Hamilton: “Lo stipendio dei piloti non dovrebbe essere tagliato”

Il pilota della Mercedes è convinto che il budget cap non debba riguardare il compenso del pilota

Secondo Lewis Hamilton lo stipendio dei piloti dovrebbe essere incrementato anzicché tagliato come conseguenza del budget cap

Lo slancio verso una maggiore sostenibilità dei costi in Formula 1 potrebbe a breve colpire direttamente i protagonisti stessi del Circus. Sembra infatti probabile l’inserimento di un budget cap anche per il compenso dei piloti, voce attualmente non influenzata dai tagli imposti con i nuovi regolamenti. A partire dal 2023 i piloti più paganti potrebbero andare incontro ad una riduzione importante dello stipendio, cosa alla quale Lewis Hamilton si sarebbe opposto.

“Credo che i piloti siano indubbiamente le star dello sport” – ha dichiarato Hamilton ai microfoni di RaceFans.net. “Sono costantemente sotto i riflettori, sono quelli che con i loro brand e la loro reputazione fanno crescere lo sport e la sua fama attorno al mondo. Credo che in altri sport siano stati inseriti dei limiti agli stipendi, in NFL o nel basket se non sbaglio. Lì però gli atleti detengono i diritti per la propria immagine e possono rifarsi altrove”.

In Formula 1 l’immagine dei piloti è detenuta quasi interamente dall’organizzazione. Penso ai giovani piloti che stanno per iniziare la loro carriera nella Massima Serie, non dovrebbero essere penalizzati mentre cercano di portare qualcosa di nuovo allo sport. E’ un settore multimilionario e credo che debbano essere premiati invece di essere penalizzati”. Sebbene il suo pensiero vada alle nuove leve che daranno linfa vitale al motorsport, Hamilton si ritroverebbe ad essere il più colpito di tutti.

Il pilota di Stevenage percepisce un compenso annuo di quaranta milioni di dollari, cifra ben al di sopra del tetto proposto di trenta milioni per la coppia titolare. La franchigia del britannico sembrerebbe stato inoltre il nodo che ne avrebbe impedito finora il rinnovo tanto atteso con la scuderia di Brackley.

Matteo Tambone

Mi chiamo Matteo, studente magistrale di Fisica presso l'Università Federico II di Napoli. Velista e windsurfer, mi piace considerarmi uno sportivo a tempo pieno. Appassionato di Motorsport in tutte le sue forme, seguo la Formula 1 da sempre ed è uno dei miei argomenti di discussione preferiti.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.