Formula 1Gran Premio Ungheria

GP Ungheria, FP2: Vettel comanda un turno falsato dalla pioggia

Solo 13 piloti hanno registrato tempi cronometrati su una pista al limite della praticabilità. Nessun crono per Hamilton, mentre il suo compagno Bottas è secondo

Asfalto bagnato e poca azione in pista, a eccezione degli ultimi 20 minuti: questa è la sintesi del turno di FP2 in terra ungherese, dove la pioggia l’ha fatta da padrona neutralizzando la possibilità di siglare tempi indicativi.

Gran parte della sessione, dunque, è scorsa così, tra l’attesa del miglioramento delle condizioni meteo e qualche vettura che scendeva in pista per testare le condizioni dell’asfalto. Solo negli ultimi minuti l’attività sul toboga ungherese si è ravvivata, con Sebastian Vettel che si è preso il primato della sessione in 1’40″464. Non un riferimento indicativo, dato che nessuno ha restituito la sensazione di cercare davvero il primato. Su 20 piloti, solo 13 hanno fatto siglare un giro cronometrato. Gli altri sette hanno compiuto solo qualche out-lap.

Seconda piazza per Valtteri Bottas, anche lui in pista nel finale con gomme full wet, su un asfalto che costringeva i piloti a remare più che a spingere per la prestazione pura. Il finlandese si è fermato a 272 millesimi dalla SF1000 di Vettel. Terzo Carlos Sainz, di nuovo incisivo in condizioni di bagnato: per il madrileno il crono di 1’41″784 a 1″320 dalla vetta. Lo seguono le due Racing Point di Lance Stroll e Sergio Perez, separati tra loro di appena un decimo. Sesto tempo per l’AlphaTauri di Pierre Gasly, seguito da Max Verstappen che ha tentato due assalti nel finale, pur senza andare oltre il tempo di 1’42″820. Ottavo crono per Romain Grosjean, poi Kimi Raikkonen e infine Charles Leclerc a chiudere la top ten.

Tempi cronometrati (gli ultimi tre) anche per Antonio Giovinazzi, undicesimo, Lando Norris e Daniil Kvyat, ma con distacchi abissali (dai 4 ai 6 secondi) rispetto a Vettel, segno della poca veridicità di questa sessione. Nessun crono, invece, per le due Renault, che hanno compiuto solo alcuni out lap tra controsterzi e uscite di pista, e pure per Lewis Hamilton, le due Williams, Albon e Magnussen. Aspettiamo dunque domani per l’ultima sessione di libere, di certo più indicativa rispetto a quella del pomeriggio odierno. Le previsioni, al momento, annunciano pioggia, una condizione che a Budapest ha sempre regalato notevoli incertezze.

Questo il riepilogo dei tempi delle FP2:

f1 ungheria
Credits: F1 Twitter

 

Pubblicità

Luca De Franceschi

Sono Luca, studio Lettere e seguo la Formula 1 da una decina d'anni. Mi sono appassionato a questo sport durante l'era dei successi di Michael Schumacher con la Ferrari, per poi assistere alle prime vittorie di Fernando Alonso, Lewis Hamilton e Sebastian Vettel. A casa ho diversi DVD sulla storia di questo sport, che mi hanno fatto conoscere i piloti e le auto del passato. Ho anche la passione dei kart, sui quali ogni tanto vado a girare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button