Formula 1Gran Premio Sakhir

GP Sakhir, l’ordine d’arrivo di un pazzo Gran Premio

Perez vince inaspettatamente la gara di Bahrain davanti a Ocon e Stroll, portando così entrambe le Racing Point sul podio

L’ordine d’arrivo del GP di Sakhir vede Sergio Perez primeggiare a sorpresa, Mercedes fa un disastro ai box e perde una doppietta ormai conquistata

Sergio Perez conquista clamorosamente il GP di Sakhir, primeggiando per la prima volta nell’ordine d’arrivo, dopo il disastro Mercedes commesso ai box. Per il pilota Racing Point si tratta del primo successo nella classe regina, stesso discorso per quanto riguarda il team con base a Silverstone. Perez riporta il Messico sul gradino più alto del podio, dopo l’ultima vittoria targata Pedro Rodriguez nel lontano 1970.

Primo podio in carriera per Esteban Ocon, con Renault che riesce a migliorare i due terzi posti ottenuti da Daniel Ricciardo al Nurburgring e a Imola. Seconda volta sul terzo gradino del podio per Lance Stroll, che sale a 3 podi in Formula 1. Quarta posizione per Carlos Sainz su McLaren. Lo spagnolo avrà sicuramente qualcosa da recriminare dopo esser stato il primo del gruppo degli inseguitori per buona parte della gara.

MERCEDES OTTAVA E NONA, FERRARI FUORI DAI PUNTI

Quinta la seconda Renault di Daniel Ricciardo, mentre in sesta posizione si è classificato Alexander Albon su Red Bull. Nonostante non possa esser fatto il confronto con il compagno di squadra, questa sembra esser stata un’altra occasione mancata per il thailandese, non confermando il buon risultato di settimana scorsa.

Daniil Kvyat porta l’AlphaTauri in settima posizione, prima di trovare le due Mercedes di Valtteri Bottas e George Russell. Il pasticco successo durante la safety car ha privato al britannico una quasi certa prima vittoria in carriera. Piccola consolazione sono i primi due punti che arrivano nella classe regina. Un punto per la decima posizione conquistato dalla McLaren di Lando Norris.

Pierre Gasly conclude undicesimo e resta fuori dalla zona punti, poi la Ferrari di Sebastian Vettel che pur non lontano non riesce a terminare all’interno dei dieci. Le due Alfa Romeo di Antonio Giovinazzi e Kimi Raikkonen sono rispettivamente tredicesima e quattordicesima, prima di trovare la Haas di Kevin Magnussen. Chiudono la classifica i debuttanti Jack Aitken su Williams e Pietro Fittipaldi su Haas. Non hanno terminato la gara la Williams di Nicholas Latifi, la Red Bull di Max Verstappen e la Ferrari di Charles Leclerc.

Samuele Fassino

Mi chiamo Samuele, ho 19 anni. Sono un grande appassionato di motori, specie di Formula 1 nella quale spero di lavorare un giorno. Oltre ai motori le mie passioni si estendono al calcio ed alla filosofia anche se, più in generale, mi piace tenermi informato su qualsiasi tema. Sono molto determinato e cerco sempre ottenere il massimo da ogni situazione.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.