DichiarazioniFormula 1Gran Premio Messico

GP Messico: l’evento non è in pericolo per il Covid

Al momento, il weekend messicano si svolgerà dal 29 al 31 ottobre, data la diminuzione dei casi di Covid-19

Claudia Sheinbaum conferma la celebrazione del GP del Messico di Formula 1 quest’anno all’Autodromo Hermanos Rodríguez, data la diminuzione dei casi di Covid-19

Il capo del governo di Città del Messico, dopo un anno di stop a causa del Covid-19, consentirà alla Formula 1 di disputare il GP del Messico. La riduzione dei casi nella capitale rende il governo ottimista sulla disputa regolare dell’evento messicano a fine ottobre. L’esecutivo confida che entro il mese di ottobre tutti gli adulti saranno vaccinati e le attività potranno essere svolte in sicurezza.

“A oggi crediamo che il Gran Premio si possa realizzare, non c’è nessun problema. Se tutto procede come sta andando al momento e la vaccinazione continua, a ottobre avremo un gran numero di vaccinati che ci consentiranno di effettuare tutte le attività in ottobre, novembre e dicembre” dichiara Sheinbaum in una conferenza stampa, secondo ESPN.

A OGGI SERGIO PEREZ POTRA’ GODERSI IL SUO PRIMO GP DI CASA COME PILOTA DELLA RED BULL

In questo momento i fratelli Rodríguez continuano a ospitare un ospedale da campo per pazienti affetti da Covid-19. Tuttavia, il capo del governo è sicuro che al GP del Messico sarà presente il pubblico sugli spalti del circuito. Ricordiamo che la capienza è di circa 100.000 persone, ma al momento non si conosce la capienza che sarà consentita per l’evento. Attualmente negli impianti sportivi è consentita soltanto la presenza del 25% del pubblico.

Dal continente americano sono ancora in calendario Messico, Stati Uniti e Brasile, il Canada invece ha annullato l’evento a causa delle restrizioni sanitarie, che richiedono a tutti i turisti di effettuare 14 giorni di quarantena. Il fatto che il GP del Messico non sia in pericolo a causa del Covid è una buona notizia per Sergio Perez, che potrà godersi la sua prima gara di casa come pilota della Red Bull.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.