Formula 1Gran Premio Giappone

GP Giappone: il lancio del missile nordcoreano è un rischio per il weekend?

I test sugli armamenti della Corea del Nord nella settimana del GP preoccupano le autorità

Un missile nordcoreano vola sopra il Giappone nella settimana del GP. Le autorità hanno ordinato ai cittadini del nord del paese di rifugiarsi, ma cosa accadrà a Suzuka?

Dopo il tumultuoso weekend a Singapore, la Formula 1 vola in Giappone dove la notizia del lancio del missile nordcoreano durante la settimana del GP preoccupa le autorità. Pare che l’ultimo test sugli armamenti del paese ha sorvolato il nord dell’arcipelago giapponese. Il missile, di medio raggio, è stato sparato alle 00:23 CEST di questo martedì nel mare del Giappone, secondo quanto riferito dall’esercito sudcoreano. Il governo del Giappone ha poi segnalato che è caduto in un punto del mare non specificato, a 3000 chilometri dalla costa e fuori dalla zona economica esclusiva del paese.

“La Corea del Nord sembra aver lanciato un missile. Rifugiatevi all’interno degli edifici o sottoterra“, questo è stato l’avvertimento dell’esecutivo nipponico dinanzi ai fatti accaduti. Quando il lancio è stato rilevato, il governo ha subito dato tali istruzioni ai cittadini delle prefetture di Hokkaido e Aomori, collocate a più di 1000 chilometri dal circuito di Suzuka, situato al centro del paese.

Il primo ministro giapponese Fumio Kishida ha condannato i fatti e li ha definiti “barbarie”È la prima volta che il Giappone attiva il suo sistema di allarme civile sulla traiettoria di un missile dal 15 Settembre 2017, quando sempre la Corea del Nord ha lanciato un altro proiettile ancora più a nord del paese.

Quali le conseguenze sul GP a Suzuka?

Tutto ciò accade proprio nella settimana del GP di Suzuka. Tuttavia, poche ore dopo il lancio la Formula 1 non si è ancora pronunciata su questo fatto. Forse non accadrà nulla e tutto passerà inosservato? In effetti, ci viene in mente quanto accaduto durante il GP di Arabia Saudita a Jeddah. Nel corso delle prove libere è avvenuto l’ennesimo attacco missilistico da parte del gruppo Houthi ad una delle strutture Aramco presenti nel paese. In quell’occasione, a lanciare l’allarme fu l’enorme nuvola di fumo vista durante gli onboard nelle prime prove libere della giornata.

Tutto avvenne all’improvviso, ciononostante Stefano Domenicali informò i team principal e i piloti che il fine settimana si sarebbe svolto come previsto e che la sicurezza per l’evento era stata una priorità per le autorità. Adesso, invece, il missile è stato lanciato ben 3 giorni prima dall’inizio del weekend di gara, vi è pertanto tutto il tempo per analizzare la situazione e capire come è opportuno procedere. Attendiamo che la Formula 1 possa dare delle direttive al riguardo!

 

 

 

Federica Incatasciato

Siciliana, classe '97, a Torino. Ho una laurea magistrale in Ingegneria Biomedica. Sono perfezionista fino al midollo e super scaramantica, cerco di sfruttare sempre il mio tempo in maniera proficua per imparare più cose possibili. Mi piace leggere e scrivere di politica, storia, letteratura e Formula 1. Fin dal liceo ho coltivato la mia passione per le auto da corsa e in particolare per la Formula 1. Essendo un'ingegnere, della Formula 1 mi affascina molto tutto il lavoro che c'è dietro a quelle monoposto, frutto di studio, strategia e collaborazione all'interno del team.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio