Analisi della redazioneFormula 1Gran Premio 70° AnniversarioPagelle

GP F1 70, le pagelle del quinto appuntamento stagionale

Ecco le pagelle del GP per il 70esimo anniversario della Formula 1. Ottima strategia per Verstappen, Mercedes in difficoltà con le mescole mentre Leclerc ritrova il ritmo

Il GP dedicato al 70esimo anniversario della Formula 1 è giunto al termine e noi abbiamo provato a valutare le performance dei protagonisti

La Formula 1 è tornata a correre sul tracciato di Silverstone a distanza di una settimana. Nel GP che celebrava i 70 anni della Formula 1 i piloti in griglia non si sono risparmiati, regalandoci colpi di scena ed emozioni nuove. Inoltre, i nuovi set di mescole portate da Pirelli hanno infatti rimescolato un po’ le carte in tavola. Come di consueto, ecco a voi le pagelle del GP F1 70!

Verstappen 9: è stato un weekend molto positivo per il pilota olandese, che è riuscito a gestire al meglio la monoposto e a sfruttare tutte le occasioni in pista. Una nota di merito va fatta al team che ha messo in atto una strategia diversa. Partendo con la mescola hard e allungando il suo primo stint, Max è riuscito a vincere la gara.

Hamilton 7,5: il pilota britannico non è stato brillante come al solito. Nella giornata di sabato, per via di qualche sbavatura non è riuscito a conquistare la pole position. Partito secondo è arrivato nella medesima posizione cercando di massimizzare il risultato. E’ stata una gara difficile, incentrata sul comportamento delle mescole. I set di pneumatici messi a disposizione della Pirelli hanno causato qualche problema di troppo al team Mercedes, che ha dovuto gestire un eccessivo degrado.

Bottas 7: un weekend un po’ anonimo quello del pilota finlandese. Dopo aver conquistato la pole position, davanti al proprio compagno di squadra, ci saremmo aspettati un altro risultato. Ha perso posizioni facendosi sfilare sia da Verstappen che da Hamilton, senza opporre troppa resistenza. Nonostante i problemi legati al consumo delle mescole è riuscito a portare a casa punti importanti per il team e per la classifica piloti.

Lelcerc 8,5: il giovane monegasco ha riportato un sorriso in casa Maranello. Dopo essere partito in ottava piazza è riuscito poi a recuperare fino alla quarta posizione. Ancora una volta ha mostrato di esser capace di massimizzare e di sfruttare al meglio tutte le occasioni in pista e il potenziale della monoposto. Dall’anno scorso si è anche migliorato nelle gestione delle mescole, tanto che è riuscito a terminare la gara effettuando soltanto un pit stop, a differenza dei rivali. Ha sorpreso Leclerc e soprattutto la sua Ferrari, che in gara sembrava aver ritrovato il ritmo che tanto cercava.

Vettel 5,5: certamente non è un periodo semplice per il pilota tedesco, e non lo è stato nemmeno questo weekend. Non è riuscito a portare il feeling trovato in Ungheria sulla pista di Silverstone. Nella giornata di sabato non è riuscito a passare nel Q3 e domenica ha terminato la gara fuori dalla zona punti. Dopo una buona partenza, nel primo giro ha perso la vettura finendo in fondo alla classifica. La sua gara è iniziata in salita ed è continuata nel traffico dei rivali. La strategia non lo ha certo aiutato, in particolare con la seconda sosta. Infatti, dopo solo 11 giri sulla mescola hard è stato richiamato ai box per montare quelle gialle, sulle quali ha corso gli ultimi 20 giri.

Albon 8: il secondo appuntamento a Silverstone è stato positivo per il pilota della Red Bull. Partito dalla nona piazza è riuscito a terminare la gara in quinta posizione. Dopo un avvio di stagione un po’ complicato, Albon sembra aver ritrovato il ritmo giusto. E’ stato autore di un’ottima gara, infatti non ha commesso errori ed è stato coinvolto in numerose lotte in cui ha avuto la meglio.

Stroll e Hulkenberg 6, 5 e 7: gara un po’ sottotono quella delle Racing Point. Durante le prove libere avevano mostrato il passo giusto per lottare per le prime posizioni. Nelle giornata di sabato Hulkenberg è riuscito ad ottenere il miglior risultato conquistando il terzo posto. Ha faticato un po’ di più, invece, Stroll che è partito dalla sesta piazza. Dopo il guizzo del pilota tedesco gli appassionati avevano già previsto un podio, ma così non è stato. Infatti, in gara non sono riusciti a tenere il ritmo dei rivali, terminando rispettivamente in sesta e settima posizione.

Gli altri: Ocon 7, Norris 7, 5, Kvyat 7, Gasly 7, Sainz 6, Ricciardo 6,5, Raikkonen 6, Grosjean 6, Giovinazzi 6, Russel e Latifi 6, Magnussen DNF.

Pubblicità

Chiara De Bastiani

Sono Chiara, ho 20 anni e studio scienze e tecniche psicologiche. Sono appassionata di motori e il mio amore per la Formula 1 è cresciuto piano piano insieme a me. Infatti, la seguo sin da quando ero piccolina, grazie a mio papà. Ho molte altre passioni e interessi che coltivo tra cui la danza, i viaggi, la montagna, la musica e l'arte. Sono un'inguaribile sognatrice che spera un giorno di poter lavorare in questo mondo fatto di passione, motori ed emozioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button