Formula 1Gran Premio Emilia Romagna

GP Emilia Romagna, prove libere: Hamilton subito davanti

Il resoconto dell’unica sessione di prove libere del Gran Premio dell’Emilia Romagna, tredicesimo round della stagione 2020, in programma sul circuito Enzo e Dino Ferrari di Imola

Format del weekend inedito per il ritorno di Imola in calendario. Una sola sessione di prove libere prima delle qualifiche nel pomeriggio

Una bella mattinata di sole ha accolto il Gran Premio dell’Emilia Romagna, su un rinnovato circuito di Imola che fa il suo ritorno in calendario dopo 14 anni dall’ultima volta. Quello in programma è un weekend particolare, più breve del solito, e con un’unica sessione di prove libere. Proprio per questa ragione i piloti sono andati tutti in pista fin da subito in modo da ottimizzare il poco tempo a loro disposizione. Il migliore ad adattarsi alle insidie del tracciato imolese è stato Lewis Hamilton, che con gomma rossa è stato l’unico a scendere sotto il muro dell’1.15. Il campione del mondo in carica si è messo dietro Max Verstappen e Valtteri Bottas, attardati rispettivamente di due e quattro decimi.

Alle spalle dei primi un ottimo Pierre Gasly,  che conferma l’ottimo stato di forma. L’AlphaTauri ad inizio stagione ha effettuato un filming day proprio sul tracciato di Imola ed anche Kvyat si è ben comportato, portandosi al settimo posto. Buoni segnali, soprattutto sul passo gara, arrivano dalla Renault che potrebbe tornare ad essere la terza forza in questo weekend. Tra i team di centro classifica sembra competitiva anche la Racing Point mentre qualche difficolta in più l’ha incontrata la McLaren: 14° Sainz, 16° Norris.

Per la Ferrari consueta situazione a due facce. Leclerc, dopo essersi lamentato del sottosterzo e di una macchina molto difficile da guidare, è riuscito ad inserirsi nelle zone alte col quinto tempo. Molta più fatica ha fatto Sebastian Vettel, dodicesimo e staccato di oltre mezzo secondo dal giovane compagno di squadra.

Rispetto all’appuntamento di Portimao ci sono delle costanti che potrebbero risultare determinanti durante la qualifica. Tra la mescola morbida e quella media, innanzitutto, il gap prestazionale appare molto contenuto. Non è da escludere, quindi, che alcuni team cercheranno di qualificarsi con la gialla, con un occhio alla strategia per la gara. Come in Portogallo, inoltre, sono stati diversi i tempi cancellati per via dei track limits. 

Danilo Tabbone

Mi chiamo Danilo, ho 20 anni, vengo dalla Sicilia e studio all'Università di Palermo. La Formula 1 è la mia più grande passione, la seguo da quando ero bambino, e le emozioni che mi suscita sono parte integrante della mia personalità. Dal 2020 scrivo per F1world.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio