DichiarazioniFormula 1Gran Premio Austria

GP d’Austria: addio ai motorhome. Si useranno le tende

Il capo della logistica di casa Mercedes ha parlato delle nuove disposizioni adottate in vista della ripresa della Formula 1 la prossima settimana

Tra meno di una settimana la Formula 1 ritornerà in pista dopo 7 mesi di stop: a Spielberg, la prima gara di 8 tappe europee. Prepariamoci a una stagione all’insegna di cambiamenti, rivoluzioni e tante prime volte!

La Classe Regina prova a ripartire da Spielberg, il tracciato austriaco casa della Red Bull. La ricerca di uno spiraglio di normalità sarà comunque scandita da una serie di cambiamenti e provvedimenti necessari, mirati a contrastare la diffusione del Covid-19. Come già era stato anticipato, non sarà consentito l’accesso al pubblico, ai VIP e a tutte le persone non strettamente necessarie ai fini dell’evento. Per garantire maggiore sicurezza e tranquillità ai dipendenti e ai piloti, durante il GP d’Austria le squadre non avranno a disposizione i celebri motorhome, ma si serviranno di tende, più pratiche e facili da spostare.

Così ha specificato il capo della logistica Mercedes, Karl Fanson, parlando di un accordo con la Formula 1, che riguarda anche le modalità di ritiro carburante e pneumatici.

GP D’AUSTRIA: “NON SARA’ UNA NORMALE GARA EUROPEA”

Come riporta soymotor.com, gli addetti ai lavori stanno facendo il possibile per ritornare a gareggiare senza correre rischi: “Non avremo la stessa organizzazione di una normale gara europea perché non useremo i motorhome. Attraverso un accordo con la Formula 1, abbiamo deciso che allontaneremo dai box i camion con cui trasportiamo tutto e avremo le nostre tende” –  ha spiegato Fanson a Motorsport.com.
Con le tende, più spazio e comodità: “Ci offriranno più spazio di lavoro all’interno del garage e in questo modo sarà più facile lavorare comodamente e mantenere la distanza di sicurezza” – ha aggiunto.

Rivoluzionati anche il ritiro e la consegna degli pneumatici e del carburante: “Normalmente ci faremo spedire il nostro carburante direttamente al box e poi manderemmo gli addetti Pirelli a ritirare le gomme. Adesso invece ci sarà un punto di consegna per il carburante e uno per gli pneumatici. Ci sarà un posto dove scaricarli e un altro per ritirarli” – ha specificato Fanson – “Avremo personale selezionato per andare a ritirare le gomme in questi punti di consegna. Quando lasceremo lì quelle usate, allora qualcuno di Pirelli verrà a ritirarle quando avremo già lasciato l’area” – ha poi concluso.

Topics
Pubblicità

Erika Mauri

Metà brianzola e metà romana, sono laureata in Lingue e attualmente studentessa magistrale di Linguistica applicata nella capitale; da sempre amo scrivere e lavorare con la lingua italiana in tutte le sue forme. Mi definisco una persona dinamica, intraprendente, coraggiosa e amante delle sfide, faccio della mia capacità organizzativa e del problem solving due delle mie qualità migliori, insieme alla facilità di collaborare con altri in gruppo e a un pizzico di anticonformismo. Amo viaggiare e sono appassionata di tecnologia, cinema, musica, lettura e, ovviamente, di Formula 1.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button