Formula 1Gran Premio Arabia Saudita

GP Arabia Saudita, Perez ringrazia Verstappen e ipoteca la vittoria

Il messicano conquista la pole position sul circuito cittadino di Jedda; lontano il suo compagno di squadra, tradito dalla monoposto

Sarà Sergio Perez a partire dalla pole position allo spegnimento dei semafori in Arabia Saudita: lontano invece il suo compagno di squadra

Alla guida del bolide targato Adrian Newey, Sergio Perez conquista la pole position del Gran Premio d’Arabia Saudita. Il messicano non lascia che briciole ai propri avversari. Stacca di più di un decimo il secondo classificato, Charles Leclerc – che però dovrà scontare una penalità di dieci posizioni. Quella del messicano è l’unica Red Bull in top 10. Il suo compagno di squadra, infatti, ha dovuto ritirarsi dal Q2 a causa di un problema al semiasse, e domani partirà dalla quindicesima posizione.

Perez scatterà dunque avanti al gruppo, affiancato in prima fila dall’Aston Martin del due volte campione del mondo Fernando Alonso. Al termine delle qualifiche, Perez ha così commentato la sua pole position in Arabia Saudita: “Sono riuscito ad azzeccare il primo giro in Q3, che è stato buono e molto pulito. In un circuito come questo senti proprio le monoposto prendere vita. Quel giro è stato molto importante per via del problema che abbiamo avuto nell’ultimo tentativo. Era molto importante perché la pista stava migliorando“.


Riguardo il problema che ha colpito la monoposto del suo compagno di squadra, Sergio Perez ha affermato: “E’ un peccato, perché Max è stato molto forte questo weekend. Quindi speriamo che domani entrambe le vetture saranno davanti. Con queste monoposto non si può mai sapere, i problemi di affidabilità possono esserci in ogni momento.” ha poi concluso, al termine delle qualifiche in Arabia Saudita.

Alessia Verde

Di Napoli, classe 2002. Studentessa di Lettere Classiche all'Università Federico II. Innamorata follemente della Rossa. Con la Formula 1 è stato amore a prima vista, e nulla riesce a emozionarmi come fa lei. Ma ciò che mi emoziona di più è potervela raccontare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio