CircuitiFormula 1Gran Premio Abu Dhabi

GP Abu Dhabi, il circuito di Yas Marina più veloce di 10 secondi

Le modifiche al tracciato sono state ultimate nei giorni scorsi e potrebbero regalare ulteriore spettacolo all’ultima gara del mondiale

L’ultima gara dell’anno potrebbe guadagnare in termini di spettacolo grazie alle modifiche effettuate al circuito

Già caratteristico per la sua straordinaria configurazione, il circuito di Yas Marina potrebbe diventare ancora più interessante per piloti e appassionati. Le ultime modifiche apportate al circuito che ospita il Gran Premio di Abu Dhabi, infatti, potrebbero favorire giri più veloci in pista, addirittura di dieci o quindici secondi. I cambiamenti al circuito si sono conclusi nei giorni scorsi, anche in vista della prossima visita di Michael Masi. Il dirigente sportivo del Circus raggiungerà Abu Dhabi per valutare il lavoro svolto.

PIÙ AZIONE SULLA PISTA DI YAS MARINA NELL’ULTIMA GARA DELL’ANNO

Abbiamo fatto delle prove al simulatore, mettendo a confronto i nostri dati con quelli generati dalla Formula 1. Abbiamo lavorato a stretto contatto per studiare la nuova configurazione del circuito. Il simulatore è stato un elemento chiave nel processo di disegno del nuovo tracciato“, ha evidenziato Ben Wilshire, Direttore Generale di Driven International, una delle due società che hanno preso in carico i lavori della pista, insieme a MRK 1 Consulting.

La nuova configurazione presenta sedici curve rispetto alle 21 precedenti. Di conseguenza, la lunghezza del tracciato ora misura nel complesso 273 metri in meno. Questo cambiamento si riflette inevitabilmente anche sulla durata del Gran Premio: mentre negli anni scorsi ad Abu Dhabi le monoposto andavano in scena per 55 giri, a partire da quest’anno i giri saliranno a 58. Com’è evidente, i lavori si sono concentrati su 3 aree del tracciato, con l’obiettivo di lavorare sulle curve più lente e su quelle più dure.

In generale, sebbene la prova del nove consisterà nell’ultima gara del mondiale attuale, questi cambiamenti alla configurazione dovrebbero essere apprezzati dai piloti. Negli anni scorsi, più di qualcuno aveva avanzato delle lamentele. Mark Webber, per esempio, aveva inserito nella strana classifica dei mille circuiti migliori di Abu Dhabi le dieci curve del Mugello. Un po’ più duro era stato invece Kimi Raikkonen, che dopo curva cinque aveva definito la pista di Yas Marina in modo molto più colorito.

Anna Vialetto

Anna è sinonimo di determinazione, concentrazione e curiosità. Ho sempre studiato e lavorato per rincorrere e realizzare i miei sogni, con l'obiettivo di concretizzarli in quella che è la mia più grande passione: l'automotive. La Formula 1 per me è parte integrante della mia personalità: il rombo dei motori, i sorpassi all’ultimo centimetro, la velocità delle monoposto. Ma soprattutto, tutto il mondo che sta dietro allo spettacolo in pista: l'organizzazione, la comunicazione, il marketing, l'energia...la stessa che, fin da quand'ero bambina, mi ha portata a coltivare questo grande amore.

Altri articoli interessanti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button

Lascia il tuo contributo

Ciao, non vogliamo riempire il tuo monitor di pubblicità, ma questi banner ci aiutano a darvi contenuti di qualità. Se vedi questo messaggio perché hai attivo un sistema di AdBlock che elimina gli annunci pubblicitari.