2018Gran Premio Monaco

Formula 1 | Red Bull sceglierà il motore per il 2019 dopo Montreal

Il team austriaco non ha fretta, la Renault invece sì: in Francia vogliono programmare a breve i loro programmi futuri

Topics

La Red Bull farà aspettare ancora la Renault per decidere il motore da usare dal 2019. Maggio, deadline fissata per la decisione, sta finendo e a Milton Keynes sono ancora indecisi su quale fornitura scegliere. Nel frattempo, è sempre più evidente che Cyril Abiteboul stia perdendo la pazienza.

Non capisco il loro comportamento, vogliono aspettare il Canada, ma lunedì dopo la gara di Montreal, non ci saranno novità”, ha detto Abiteboul all’agenzia di stampa GMM.

Christian Horner preferisce aspettare molto di più: molti vociferano di un passaggio a Honda visti i buoni risultati che i giapponesi stanno ottenendo in questo 2018 ma nulla è certo.

” Decideremo tra un mese circa, verso la fine di giugno e l’inizio di luglio, nei tempi di cui abbiamo sempre parlato, vogliamo confrontare i due motori in Canada, ha affermato Horner, visto che sia Renault che Honda porteranno aggiornamenti a Montreal.

Il team austriaco auspica un miglioramento della power unit francese specie in Q3, la parte delle qualifiche in cui Mercedes e Ferrari riescono a salire di potenza: “Se non sbaglio, nelle ultime sei gare, cinque giri più veloci sono stati realizzati dalle nostre vetture. Se otteniamo più potenza nella sessione finale delle qualifiche, nulla ci impedirà di lottare con loro” ha detto il capo della Red Bull.

“Vorremmo continuare con la Red Bull se ci danno una garanzia di tre anni, allora potremmo pianificare, investire più denaro e portare più risorse”, ha ripetuto Cyril Abiteboul nel paddock di Montecarlo, dove prima del Gp si è tenuta una riunione di un’ora tra Red Bull e i vertici della Casa francese.

Topics
Pubblicità

Christian Caramia

Mi chiamo Christian e ho 27 anni, vivo a Martina Franca (Taranto). Appassionato fin da piccolo di Formula 1, da bambino i miei idoli erano Ayrton Senna e Jean Alesi. Sono cresciuto prima con Michael Schumacher e poi con Kimi Raikkonen. Grazie a loro sono qui a scrivere di questo magnifico sport.