Curiosità dalla F1

Formula 1, Michael Schumacher: inaugurata la mostra a Marburg

La mostra dedicata a Michael Schumacher è stata inaugurata nella giornata di ieri, a Marburg, in Germania alla presenza della moglie Corinna, e dei figli del sette volte iridato di Formula 1, Gina Maria, ormai una protagonista consolidata nel mondo dell’equitazione, e Mick, impegnato in Formula 4 e secondo alcune indiscrezioni sempre più vicino alla Ferrari Driver Academy. L’esposizione, che ripercorre la carriera di Michael Schumacher attraverso una serie di pannelli descrittivi e memorabilie, è stata organizzata dalla Deutsche Vermögensberatung, storico partner commerciale del tedesco e resterà aperta per i prossimi due anni.

Come ha raccontato la portavoce di Michael Schumacher, Sabine Kehm, l’obiettivo della mostra è quello di «ravvivare il ricordo dei tempi in cui Michael correva con Ferrari, Mercedes e Benetton», omaggiando così ancora una volta il pilota più vincente della Formula 1.

Proprio in questo lasso di tempo gli appassionati potranno osservare da vicino alcune vetture guidate da Michael Schumacher e molti altri oggetti appartenuti al tedesco e mai esposti in pubblico. Nonostante il tremendo incidente sulle pista da sci che ha coinvolto l’ex ferrarista, ormai più di due anni fa a Meribel, gli appassionati hanno continuato a stare vicini al proprio idolo che sta ancora riprendendosi a causa del trauma cranico accusato proprio nella caduta sulla neve.

All’inaugurazione, oltre alla moglie e ai figli, era presente anche Rolf, padre di Michael Schumacher e Norbert Haug, ex capo della Mercedes Motorsport, che convinse il tedesco a tornare in pista nel 2010 con la scuderia di Brackley.

Eleonora Ottonello

Mi chiamo Eleonora e sono di Genova. Scrivo per passione, nella vita di tutti i giorni sono un'educatrice cinofila. Non ho paura di dire (forse è meglio dire scrivere) quello che penso. Per me la sincerità e la franchezza sono alla base di ogni rapporto umano. Sono pignola e puntigliosa ma disordinata e pasticciona allo stesso tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio