2018Formula 1Gran Premio Belgio

Formula 1 | L’Halo ha salvato Leclerc a Spa, secondo la FIA

Fernando Alonso ha colpito l’Halo di Charles Leclerc con uno dei suoi pneumatici in Belgio. Senza tale dispositivo, il pilota monegasco avrebbe potuto riportare gravi lesioni alla testa o al collo

Topics

La FIA ha assicurato che l’Halo ha salvato Charles Leclerc che altrimenti avrebbe ricevuto un colpo alla visiera, nell’incidente avuto con Fernando Alonso a Spa-Francorchamps. La FIA nelle ultime settimane, tra file video e telemetria relativi all’incidente di Charles Leclerc a Spa ha concluso che l‘Halo ha avuto un ruolo importante nel salvare il monegasco da una ferita o da conseguenze ancor peggiori, secondo il portale web statunitense Motorsport.com. Un rapporto del Global Institute della FIA ha mostrato infatti, l’importanza di questo dispositivo in tale incidente ed inoltre il sistema di protezione del cockpit è rimasto anche intatto e riutilizzabile, dopo l’impatto con la mescola anteriore destra della vettura dello spagnolo.

Le immagini registrate dalla telecamera ad alta velocità della cabina di pilotaggio FIA mostrano che Charles Leclerc è stato colpito solo da piccoli pezzi di fibra di carbonio mentre la McLaren volava sopra la sua testa. Senza l’Halo, si può dire che l’incidente avrebbe potuto avere riscontri ben peggiori, anche se la traiettoria della mescola di Fernando Alonso indica che, in nessun momento ha colpito il capo del pilota della Sauber. “Riteniamo che l’ala anteriore di Fernando Alonso sarebbe venuta a contatto con la visiera di Charles Leclerc, ma è difficile prevedere con precisione la gravità di tale contatto” ha così dichiarato Adam Baker, direttore della sicurezza della FIA.

Conclusioni dell’indagine: La forza che ha supportato l’Halo era di 58 newton, quasi la metà della forza che questo dispositivo può in realtà sopportare. Se la mescola avesse toccato il casco di Charles Leclerc con una forza simile, avrebbe provocato un grave infortunio alla testa o al collo del pilota. Le indagini della Sauber confermano che le alette e gli ancoraggi del telaio non sono stati danneggiati o deformati dal contatto con la mescola di Fernando Alonso. Se tutta la massa della vettura dello spagnolo avesse avuto un impatto con l’Halo di Charles Leclerc, l’energia dell’impatto avrebbe avuto conseguenze devastanti se fosse stata scaricata direttamente sul pilota monegasco. In quel caso, l’Halo non avrebbe potuto assorbire tutta questa energia senza deformarsi o fallire nel suo intento.

Topics
Pubblicità

Sabrina Aceto

Mi chiamo Sabrina ho 27 anni e sono milanista sfegatata da quando sono nata. Quando meno me l'aspettavo, la Formula 1 mi ha stravolto la vita e grazie a Fernando Alonso e ad Ayrton Senna mi sono innamorata di questo magico sport. Avere due miti come loro è un vero onore ed essere Alonsista è pura magia! Il mio tifare per il pilota, agli occhi di molti mi rende una tifosa atipica, ma come dice il mio cantante preferito Nesli “Cosa diranno non importa, non conta più, perché alla fine ciò che resta sei solo TU!” Ed è vero, ciò che conta veramente sono le emozioni ed i valori che una persona riesce a trasmetterci, ciò che dicono gli altri non ha importanza.

Altri articoli interessanti