2018Dichiarazioni dei PilotiGran Premio Bahrain

Formula 1 | Lewis Hamilton: “Max Verstappen ha ancora molto da imparare!”

Secondo Lewis Hamilton, Max Verstappen ha peccato di inesperienza in Bahrain, e nonostante il fantastico ritmo che ha, deve ancora imparare tanto da campioni del calibro di Fernando Alonso

Topics

Uno dei momenti salienti del Gran Premio del Bahrain è stato il contatto che ha visto protagonisti Max Verstappen e Lewis Hamilton. Tale contatto ha poi costretto al ritiro, il pilota della Red Bull dopo una foratura. Un errore dell’olandese che, secondo l’inglese ha peccato di inesperienza. Lewis Hamilton infatti ritiene che Max Verstappen abbia ancora molto da imparare dai grandi campioni come Fernando Alonso. Perciò ha dichiarato: “Penso che se Fernando Alonso fosse stato in quella monoposto, avrebbe non solo terminato la gara, ma avrebbe anche ottenuto punti per la Red Bull”.

Il pilota Mercedes confessa che tutti i giovani piloti peccano di essere troppo aggressivi in ​​pista all’inizio della propria carriera, e che la stessa cosa è accaduta anche a lui. “Max è un giovane pilota, imparerà sempre, ha un ritmo fantastico, ma come tutti i giovani, non sempre prende le decisioni migliori, spero solo che impari da qualsiasi situazione. Quando ero più giovane è accaduto anche a me, quindi so benissimo com’è” ha così proseguito Lewis Hamilton. La Red Bull ha fatto un ottimo lavoro quest’inverno e Lewis Hamilton è consapevole che se non fosse stato per questi errori, quelli di Milton Keynes avrebbero dato del filo da torcere sia alla Ferrari che alla Mercedes.

“La Red Bull ha una buona vettura, ma i risultati tardano ad arrivare a causa dell’inesperienza o di altri fattori. Con quella vettura a disposizione, Max Verstappen avrebbe dovuto finire la gara, ottenendo almeno dei punti” ha così proseguito il Campione del Mondo in carica. Max Verstappen ha dovuto lasciare la gara all’inizio, invece Lewis Hamilton è stato in grado di continuare ed ottenere la terza posizione sul podio. A riguardo ha dichiarato: “Sono solo grato che la vettura non mi abbia dato problemi. Non avevo intenzione di toccarlo. Sono stato molto attento perché penso al titolo iridato ed un mio ritiro per un contatto, sarebbe stato drammatico. Se si osserva nel dettaglio, sono stato avanti per diversi secondi e poi ho accettato di rinunciare alla posizione perché sapevo che mi avrebbe buttato fuori, ma lui ha continuato quando non vi era alcun bisogno di continuare così fino al limite”.

Topics
Continua la lettura

Sabrina Aceto

Mi chiamo Sabrina ho 27 anni e sono milanista sfegatata da quando sono nata. Quando meno me l'aspettavo, la Formula 1 mi ha stravolto la vita e grazie a Fernando Alonso e ad Ayrton Senna mi sono innamorata di questo magico sport. Avere due miti come loro è un vero onore ed essere Alonsista è pura magia! Il mio tifare per il pilota, agli occhi di molti mi rende una tifosa atipica, ma come dice il mio cantante preferito Nesli “Cosa diranno non importa, non conta più, perché alla fine ciò che resta sei solo TU!” Ed è vero, ciò che conta veramente sono le emozioni ed i valori che una persona riesce a trasmetterci, ciò che dicono gli altri non ha importanza.

Aspetta! C'è dell'altro!