Formula 1Gran Premio Canada

Formula 1 | Lando Norris: “Sono molto entusiasta di andare in Canada”

Lando Norris, dopo averlo provato al simulatore, si dice entusiasta di affrontare per la prima volta la pista di Montreal

Sembra essere amore a prima vista quello tra il rookie Lando Norris è il circuito di Montreal, prossima tappa del Mondiale di Formula 1. Dopo averlo provato al simulatore il pilota inglese è rimasto affascinato dalla pista dedicata a Gilles Villenueve e non vede l’ora di scendere in pista realmente. La vicinanza dei muretti, e le buone chance di sorpasso hanno spesso offerto gare emozionanti.

“Sono molto entusiasta di andare in Canada a Montreal”, ha detto Lando Norris. “Sarà la mia prima volta lì e la pista è una che mi ha sempre affascinato quando l’ho provata sul simulatore. Sembra una pista divertente e dove è facile superare.”

“Le gare possono essere imprevedibili e il meteo spesso gioca un ruolo importante”, come accadde nel 2011, quando a vincere fu proprio una McLaren, quella di Jenson Button.

“Il mio obiettivo, come sempre, è quello di assicurarmi di essere in grado di cogliere tutte le possibilità possibili sia per me, sia per il team e poi acquisire la maggiore esperienza possibile su una nuova pista.”, ha aggiunto Norris.

Il tracciato di Montreal è un semicittadino, dunque da tradizione, anche le Safety Car appaiono spesso, contribuendo all’imprevedibilità del Gp. Le strategie potrebbero quindi svolgere una funzione cruciale, come sottolineato dal nuovo team principal della McLaren Andreas Seidl.

“Quest’anno le giuste operazioni in gara ci hanno garantito parecchi punti, quindi sarà fondamentale far bene anche in Canada.”, ha spiegato il tedesco, che poi prosegue, “La strategia, i pit-stop e il buon rendimento da parte dei piloti e del team in gara sono le chiavi in questo senso. Il circuito di Montreal offre alcune sfide uniche. Si tratta in sostanza di un circuito cittadino, ma che va percorso a velocità molto elevate.

“Le Safety Car e il meteo che cambia hanno spesso determinato il risultato qui, quindi dobbiamo essere pronti per ogni eventualità.”, ha concluso Andreas Seidl.

Gabriele Gramigna

Mi chiamo Gabriele, sono un ragazzo molisano e studio chimica all'università di Padova. Dal 2018 scrivo per F1World, cercando di trasmettere la mia passione per la Formula 1 in tutti i miei articoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio