Formula 1Test Barcellona

Formula 1 | Honda punta a vincere almeno 5 GP con Red Bull

I primi due giorni di test hanno regalato buoni riscontri al motorista nipponico, intenzionato a migliorare le prestazioni di Red Bull e Toro Rosso rispetto allo scorso anno

Per la Red Bull motorizzata Honda i primi riscontri dai test pre-stagionali risultano incoraggianti. Nella giornata di ieri Max Verstappen ha totalizzato 128 giri, senza che il motore manifestasse alcun problema, siglando il quarto crono in 1’19″426. Oggi, il suo nuovo compagno Pierre Gasly ha segnato un miglior tempo 4 decimi più lento di quello dell’olandese, girando in 1’19″814 e mettendo insieme 92 tornate, prima che un’uscita di pista alla curva 12 lo costringesse a dare forfait. Buoni rilevamenti anche per la scuderia gemella Toro Rosso, al secondo anno con la motorizzazione Honda: il debuttante Alexandre Albon ha completato ben 132 giri, installandosi in quarta posizione nella classifica dei migliori tempi di giornata. gasly winter test

Honda ha dichiarato obiettivi ambiziosi per il 2019, puntando a migliorare i risultati che Red Bull ha ottenuto lo scorso anno quando ancora era motorizzata Renault. Il direttore tecnico della casa nipponica Toyoharu Tanabe ha parlato del nuovo motore, che segue la filosofia adottata da Honda sin dal 2015. Quando si ripresentò in Formula 1 come motorista in partnership con la McLaren, la casa giapponese realizzò una power unit molto compatta a livello di dimensioni. I ripetuti problemi di affidabilità la indussero a rivedere certi aspetti, ma ancora oggi la power unit presenta dimensioni molto ridotte.verstappen

“Abbiamo ripreso le linee essenziali della power unit del 2018, che a loro volta si rifacevano a quelle del 2017 – ha commentato Tanabe –  Questo perché i regolamenti in materia di power unit non sono cambiati rispetto all’anno scorso, così abbiamo continuato a lavorare su una base prestabilita. Abbiamo discusso molto durante l’inverno con Red Bull Technology, per capire le esigenze sia di Red Bull che di Toro Rosso. Bisogna lavorare in sinergia e valutare il rendimento complessivo del pacchetto, argomento di cui abbiamo discusso molto. Si tratta come al solito di trovare il giusto compromesso, perché se disponi di tanta potenza, sul fronte dello chassis puoi pagarne le conseguenze, producendo un risultato non ideale”. kvyat barcelona 2019

Tanabe ha fissato pure gli obiettivi per la nuova stagione. Se Franz Tost si è detto convinto circa le possibilità di Red Bull di agguantare una vittoria, Tanabe è andato oltre: “Quante gare ha vinto la Red Bull lo scorso anno? Quattro? Noi puntiamo a vincerne una in più! Vogliamo migliorare i risultati che Red Bull e Toro Rosso hanno ottenuto la scorsa stagione”.

 

Luca De Franceschi

Sono Luca, studio Lettere e seguo la Formula 1 da una decina d'anni. Mi sono appassionato a questo sport durante l'era dei successi di Michael Schumacher con la Ferrari, per poi assistere alle prime vittorie di Fernando Alonso, Lewis Hamilton e Sebastian Vettel. A casa ho diversi DVD sulla storia di questo sport, che mi hanno fatto conoscere i piloti e le auto del passato. Ho anche la passione dei kart, sui quali ogni tanto vado a girare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio