2019Formula 1

Formula 1 | Gunther Steiner: “Non riesco a giustificare il calo tra sabato e domenica”

Il Bahrain ha lasciato tanti dubbi nella testa di Gunther Steiner, che non si spiega il calo di prestazioni della Haas

Regna lo stupore per Gunther Steiner, che non si spiega il calo di performance del suo team patito in Bahrain. Il weekend ad Al Sakhir era iniziato col piede giusto per la compagine americana, cosi come in Australia. Ancora una volta le Haas si sono piazzate in coppia in Q3. Poi, però, la debacle. Al via Grosjean, colpito da Stroll, ha forato una gomma ed è stato costretto al ritiro per avere danneggiato il fondo. Magnussen, invece, dopo essere scattato dalla sesta piazza, è precipitato inesorabilmente fuori dalla top ten, per la difficoltà nel mantenere le gomme in temperatura.

Steiner, ripensando alla gara, non si spiega cosa abbia compromesso il passo delle VF-19 “Non ho capito cosa sia successo, ma non sono arrabbiato, piuttosto sono stupito.

“Sono sconvolto, perchè non riesco a giustificare il calo di prestazioni dal sabato alla domenica. L’unica cosa positiva è che abbiamo potuto svolgere dei test questa settimana per capire meglio quale fosse il problema”, ha asserito Steiner.

“Potremo provare martedi e mercoledi e trovare il problema. Ad ogni modo, nessuno ci ha superati in classifica, quindi il danno non è stato troppo grande“. Inoltre il team principal altoatesino ha indicato nella velocità di punta una debolezza della monoposto, visto che era inferiore a quelle registrate abitualmente.

“Bisogna analizzare separatamente le velocità: quelle registrate con il DRS, quelle senza DRS, quelle registrate con il DRS in fase di sorpasso, eccetera. Servono i numeri per analizzare dati e trovare una soluzione al problema. Comunque sia in Bahrain non eravamo tra i più veloci” ha chiosato Steiner.

Topics
Pubblicità

Gabriele Gramigna

Mi chiamo Gabriele, sono un ragazzo molisano e studio chimica all'università di Padova. Dal 2018 scrivo per F1World, cercando di trasmettere la mia passione per la Formula 1 in tutti i miei articoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close