2019Dichiarazioni dei PilotiFormula 1Gran Premio Monaco

Formula 1 | GP Monaco 2019: ottimo giovedì in casa Mercedes

La Mercedes dimostra la propria supremazia durante le libere del giovedì a Monaco, infatti Lewis Hamilton e Valtteri Bottas sono soddisfatti

Topics

Giovedì di prove libere produttivo in casa Mercedes, che dimostra nuovamente di essere in forma smagliante, facendo la doppietta durante la seconda sessione di prove libere, con Lewis Hamilton al vertice in entrambe le sessioni e Valtteri Bottas in terza posizione nella prima sessione. Mercedes dimostra la propria supremazia ancora una volta, cosa non semplice da fare sul circuito di Montecarlo, perciò i suoi piloti sono soddisfatti e sperano che il weekend continui ad essere positivo e produttivo come lo è stato oggi. I presupposti per ottenere l’ennesima doppietta della stagione ci sono tutti, ma a Monaco, come ha anche affermato il finlandese: “Tutto può succedere”.

Valtteri Bottas infatti a riguardo ha affermato: “E’ stata una buona giornata per noi in pista. Negli anni precedenti, la vettura sembrava a volte difficile da guidare, ma oggi era davvero semplice gestirla e guidarla e mi sono anche divertito. Per far sì che tutto vada per il verso giusto è necessario trovare i limiti su questa pista e spingerti oltre. Io mi sono sentito davvero a mio agio mentre eseguivo ciò ed è un buon segno. Ora dobbiamo mettere a punto il set-up e assicurarci di proseguire nella giusta direzione. Penso che abbiamo iniziato il weekend con il piede giusto, ma siamo a Monaco e tutto può succedere”.

Lewis Hamilton invece ha dichiarato: “È il sogno di ogni pilota quello di venire a Monaco e avere una vettura che puoi sfruttare a tuo piacimento e utilizzare con le proprie abilità. Sono davvero orgoglioso della squadra e naturalmente il nostro obiettivo è quello di cercare di fare qualcosa di veramente positivo questo fine settimana. Abbiamo apportato alcune piccole modifiche tra le due sessioni ed anche nel mentre, ma sono abbastanza soddisfatto del set-up. Quando torniamo qui, ogni anno noto che diventiamo sempre più veloci e lo si nota in vari punti del tracciato, specialmente prendiamo una grande velocità mentre arriviamo in curva 12 e la stessa cosa succede mentre saliamo al Casinò. Qui è tutto incredibilmente intenso, ma si deve essere concentrati in ogni istante”.

Topics
Pubblicità

Sabrina Aceto

Mi chiamo Sabrina ho 27 anni e sono milanista sfegatata da quando sono nata. Quando meno me l'aspettavo, la Formula 1 mi ha stravolto la vita e grazie a Fernando Alonso e ad Ayrton Senna mi sono innamorata di questo magico sport. Avere due miti come loro è un vero onore ed essere Alonsista è pura magia! Il mio tifare per il pilota, agli occhi di molti mi rende una tifosa atipica, ma come dice il mio cantante preferito Nesli “Cosa diranno non importa, non conta più, perché alla fine ciò che resta sei solo TU!” Ed è vero, ciò che conta veramente sono le emozioni ed i valori che una persona riesce a trasmetterci, ciò che dicono gli altri non ha importanza.

Altri articoli interessanti

Back to top button