2017Dichiarazioni dei PilotiGran Premio Malesia

Formula 1 | GP Malesia 2017, Valtteri Bottas: “Weekend da dimenticare, scivolavo dappertutto!”

Topics

Da qualche gara Valtteri Bottas non riesce più a fare la differenza: forse le maggiori attenzioni rivolte alla prima guida della Mercedes non gli stanno permettendo di esprimersi al meglio, forse sta facendo più fatica rispetto a inizio stagione nel gestire la tensione all’interno del team.
Sta il fatto che a Sepang il finlandese ha incontrato mille problemi: in qualifica non è andato oltre il quinto posto, lo stesso piazzamento che ha mantenuto in gara, nonostante una partenza che sembrava potesse permettergli di attaccare le posizioni importanti della classifica.

Cos’è successo? A quanto pare Valtteri ha pagato una W08 EQ Power+ troppo scivolosa in qualsiasi condizione del tracciato, probabilmente a causa dei nuovi aggiornamenti aerodinamici portati dal reparto corse di Brackley che, al netto del risultato di oggi, si sono dimostrati inefficaci.
Oggi è stata una giornata veramente dura – ha commentato Bottas – Ho provato a fare di tutto, ma mi mancava il ritmo e scivolavo dappertutto. La partenza è andata bene, ma poi ho iniziato a perdere terreno: nella prima parte di gara ho patito tanto sottosterzo, mentre in generale ho dovuto gestire costantemente la temperatura delle gomme. Se spingevo di più allora le surriscaldavo e scivolavo ancora più di prima!”.

In vista di Suzuka dobbiamo verificare cos’è effettivamente successo – ha proseguito il finlandese – Gli aggiornamenti arrivati dalla Casa madre avrebbe dovuto darci un po’ di vantaggio, invece è andato tutto al contrario. L’obiettivo è imparare da ciò che è accaduto qua in Malesia, in modo da arrivare in Giappone con una vettura decisamente più competitiva”.

Topics
Pubblicità

Giulio Scrinzi

Sono nato il 21/04/1993 a Rovereto e fin da piccolo ho sempre avuto una forte passione per tutto ciò che è veloce e che ha un motore. La Formula 1 rappresenta per me un'opportunità come giornalista ma anche il sogno di una vita: diventare un pilota. I miei miti? Michael Schumacher e Ayrton Senna. Il mio motto? "Keep fighting".

Altri articoli interessanti