2018Gran Premio Gran Bretagna

Formula 1 | GP Gran Bretagna 2018, Vettel: “Ho perso tempo sul rettilineo, altrimenti mi sarei preso la pole”

Il tedesco della Ferrari ha conquistato la seconda posizione in qualifica, ma è convinto di poter fare meglio in vista della gara di domani

Topics

Sul circuito di Silverstone è stata una battaglia molto stretta tra Lewis Hamilton e Sebastian Vettel, che per un soffio non ha centrato la pole inglese.

Il distacco tra il tedesco e il pilota britannico è stato di nemmeno un decimo e i due piloti si sono dati battaglia fino alla fine della sessione di qualifica; tuttavia, il Vettel si è detto soddisfatto delle prestazioni ottenute, nonostante un ultimo giro non del tutto perfetto.

“Oggi il distacco da Hamilton era meno di mezzo decimo, per cui abbiamo praticamente fatto lo stesso giro. Sono stato contento del mio primo tentativo in Q3, ma poi durante il mio ultimo run ho perso tempo sul rettilineo. Non so perché, altrimenti avrei potuto prendermi la pole”.

Nonostante il dolore al collo lamentato durante la terza sessione di prove libere, il pilota della Ferrari è comunque riuscito a scendere in pista e per la gara di domani prevede di non avere più alcun problema in merito.

Al via sul circuito di Silverstone, inoltre, Ferrari e Mercedes partiranno con la stessa mescola di pneumatici: anche se la pista non è particolarmente ideale per i sorpassi, Vettel si è detto motivato e propositivo, mosso dalla speranza di conquistare un’altra vittoria.

“Anche se oggi non siamo riusciti a battere una Mercedes per la pole, abbiamo fatto enormi passi avanti in termini di squadra: per cui desidero congratularmi con tutta la scuderia, perché ognuno – in pista e a Maranello – ha fatto del suo meglio. La macchina funziona e siamo più veloci dello scorso anno.

Topics
Pubblicità

Anna Vialetto

Mi chiamo Anna, ho 24 anni, laureata in Comunicazione e attualmente studentessa in Web Marketing & Digital Communication. Sono una ragazza determinata e testarda, con la passione per lo scrivere, i libri e gli anime. Nonostante le numerose cadute, cerco di trovare sempre il modo per rialzarmi e dare il meglio, per me e per la mia famiglia, punto di riferimento e fonte di ispirazione in ogni momento. La passione per la Formula 1 è iniziata circa durante gli ultimi anni dell’era Schumacher in Ferrari e, da quel momento, non mi ha più abbandonata. Il rombo dei motori, i sorpassi all’ultimo, la velocità sono tutti elementi che mi tengono incollata allo schermo e mi fanno venire la pelle d’oca. Il team a cui sono legata è Ferrari, con cui condivido gioie, dolori, rabbia, quasi come se vivessi in prima persona l’esperienza del Gran Premio: nonostante tutto, le emozioni che la scuderia e la Formula 1 riescono a regalarmi, sono qualcosa che è difficile spiegare a parole.

Altri articoli interessanti