2018Curiosità dalla F1Formula 1

Formula 1 | Brundle: “Sebastian Vettel ha commesso degli errori”

Secondo Martin Brundle, in questa stagione Sebastian Vettel ha commesso molti errori e Damon Hill concorda con lui

Nel suo quarto anno in Ferrari, Sebastian Vettel non è riuscito a diventare Campione del Mondo con la Scuderia. La Ferrari è stata competitiva in termini di velocità e tutto lasciava presagire che questa potesse essere la stagione giusta per la conquista del titolo iridato. Martin Brundle a riguardo ha dichiarato: “Penso che la Ferrari nel 2017 sia stata l’artefice nell’aver perso il titolo mondiale. Ma quest’anno l’artefice è stato Sebastian Vettel stesso”. Brundle pensa che Lewis Hamilton sia stato migliore sotto tanti aspetti nel 2018 rispetto a Vettel. Ovviamente questo non cambia il fatto che il pilota tedesco della Ferrari sia “un pilota di livello mondiale”, come ha sottolineato a Sky Sports F1, aggiungendo: “È un quattro volte Campione del Mondo, ma ha commesso degli errori quest’anno, come nella carambola con Valtteri Bottas a Le Castellet o nel devastante ritiro a Hockenheim”.

“Ci sono stati alcuni momenti in cui la sua impulsività è esplosa. Abbiamo visto tutto ciò alla Red Bull un paio di volte, con Mark Webber. Prendiamo Singapore 2017: Sebastian è stato un po’ troppo impulsivo, cosa che l’ha ferito molto l’anno scorso, e anche quest’anno in Germania. Ma è un grande pilota, un quattro volte Campione del Mondo, incredibilmente veloce: il suo tempo in Formula 1 non è ancora finito!” ha dichiarato invece Damon Hill, sempre su Sky Sports F1. Il fatto è che la pressione sulla Ferrari sta aumentando, e non poco. Dal 2007 la Scuderia aspetta un titolo piloti, dal 2008 invece un titolo costruttori. Ma attese di questo tipo si sono verificate già tempo fa: tra il 1983 e il 1999 la Ferrari non vinse nemmno un Campionato Costruttori, e tra Jody Scheckter nel 1979 e Michael Schumacher nel 2000 mancò il Titolo Piloti.

La Ferrari non è una squadra qualsiasi e la stampa italiana sa essere molto impaziente, quando le cose non funzionano, mettendo così una pressione immensa ed alimentando anche ricorrenti speculazioni su una sostituzione del Team Principal Maurizio Arrivabene. “Sono desiderosi di vincere ed è più che normale, ma la pressione a cui vengono sottoposti è immensa. Inoltre credo che il Campionato Costruttori sia probabilmente ancora più importante del Campionato Piloti per la Ferrari” ha concluso Martin Brundle.

Topics
Pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close