Formula 1 | Alonso lancia l’idea: “Bisognerebbe studiare una rimozione rapida dell’Halo”

Le fiamme sulla Renault di Magnussen hanno risollevato il problema dell’Halo, che richiede troppo tempo per essere rimosso. Un problema su cui la FIA dovrà lavorare sodo, nei prossimi mesi…

Le fiamme sprigionatesi dalla Renault di Kevin Magnussen durante le prove libere di Sepang hanno sollevato il problema: se ci fosse stato l’Halo, sulla RS16 del danese, come sarebbe finita? Sarebbe riuscito, Magnussen, a saltare via dall’abitacolo in modo così veloce? Difficile, soprattutto considerando che l’Halo non è stato progettato per poter essere rimosso in tempi brevissimi. Ora, c’è tempo fino a tutto l’anno prossimo per studiare nuove soluzioni che rendano l’Halo più efficace, visto che la sua introduzione è prevista per il 2018. I commenti dei piloti, chiaramente, saranno fondamentali.

Fernando Alonso, che aveva testato l’Halo nelle libere di Singapore, ha proposto una nuova soluzione: rendere più veloce la rimozione dell’Halo nei casi di emergenza. Soprattutto alla luce di quanto accaduto con Magnussen in Malesia. “Quando ho testato l’Halo per la prima volta – ha spiegato lo spagnolo – ho subito notato che era piuttosto scomodo entrare e uscire dalla vettura. Secondo me, ci sono ancora delle cose da migliorare ed è soprattutto per questo che hanno rimandato l’introduzione dell’Halo al 2018. Io penso che si potrebbe studiare un modo per rimuovere l’Halo velocemente nei casi di emergenza, in modo da permettere al pilota di balzare fuori dalla vettura il prima possibile”.

Sembra che l’inconveniente subito da Magnussen sia servito per fare riflettere team e piloti riguardo alle modalità per migliorare l’utilizzo dell’Halo. Non è un caso se anche Carlos Sainz ha fatto sentire la sua voce. Lo spagnolo della Toro Rosso aveva provato l’Halo nelle prove libere in Belgio e, dopo avere visto il fuoco sulla Renault di Magnussen, si è allineato al pensiero di Alonso (e di molti altri piloti). “Quella volta in cui ho provato l’Halo – ha affermato Sainz –, mi ricordo che ho impiegato più tempo del normale nell’uscire dalla vettura. Non so dire esattamente quanti secondi in più ci ho impiegato, ma di sicuro l’Halo ti ostacola un po’, cosa che ovviamente mi aspettavo”.

A questo punto, rimane da vedere come la FIA intenderà risolvere la questione Halo, alla luce dell’inconveniente di Magnussen in Malesia. Perché purtroppo in molte occasioni, come nei principi d’incendio, il pilota è costretto a lasciare la vettura in tempi brevissimi.

Luca De Franceschi

Sono Luca, studio Lettere e seguo la Formula 1 da una decina d'anni. Mi sono appassionato a questo sport durante l'era dei successi di Michael Schumacher con la Ferrari, per poi assistere alle prime vittorie di Fernando Alonso, Lewis Hamilton e Sebastian Vettel. A casa ho diversi DVD sulla storia di questo sport, che mi hanno fatto conoscere i piloti e le auto del passato. Ho anche la passione dei kart, sui quali ogni tanto vado a girare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button