2019Formula 1Gran Premio Australia

Formula 1 | Abiteboul: “Non sognavamo questo debutto con Ricciardo”

Il team principal Renault ammette il grande rischio preso da Ricciardo al via e commenta il debutto dell’australiano come tutt’altro che ideale

Topics

Per alcuni piloti il GP di casa è un momento di gloria, per altri rischia di diventare un tritacarne. Per Daniel Ricciardo il GP d’Australia è andato decisamente nella seconda direzione, al termine di una settimana che lui stesso ha definito “estenuante”. Daniel è arrivato a Melbourne con la pressione di oltre 300.000 appassionati accorsi per lui, venendo coinvolto in diversi eventi promozionali, prima della gara, che di certo gli hanno assorbito ulteriori energie.

“Sono distrutto, esausto – ha detto il neo pilota Renault – Avevo fatto una buona partenza, mentre Perez davanti a me era partito un po’ a rilento. Mi sono affiancato e lui si è spostato, così sono finito sull’erba e lì deve esserci stata una sconnessione che ha divelto l’ala anteriore. Un vero peccato finire così… Ma tutta la settimana è stata estenuante. Non ho mai avuto un minuto di tempo libero; anzi, ho la sensazione di avere dedicato tanto agli altri per far felici tutti e nulla a me stesso. E credo che questo abbia compromesso il mio modo di preparare questa gara. Per l’anno prossimo adotterò un approccio diverso.

Ma tutto il weekend dell’australiano è stato ben lontano dall’ideale. Detto della gara, in cui il passo di Ricciardo non si può valutare visti i danni alla vettura (che l’hanno portato poi al ritiro), in qualifica l’idolo di casa ha incassato la sconfitta dal compagno Nico Hulkenberg, mancando anche l’accesso in Q3. Il team principal Cyril Abiteboul ha commentato il debutto di Ricciardo riconoscendo che bisogna invertire la tendenza al più presto: “Direi che è stato un weekend con molti aspetti negativi. Qualcosa di buono c’è stato, ad esempio dei buoni sprazzi mostrati da Daniel nelle libere. Ma non ci interessano i risultati al venerdì”.

“È un lavoro di gruppo, quindi se andiamo male è colpa di tutti. Dobbiamo sempre imparare, questo vale per tutto il team. Quando prendi un pilota nuovo devi accettare di fare qualche passo indietro per poi farne molti in avanti. È ciò che sta accadendo in questo momento”.

Abiteboul è critico anche nei confronti della manovra che è costata a Ricciardo la perdita dell’ala anteriore. “Daniel era in una posizione un po’ rischiosa. Quel buco nell’erba magari dovrebbe essere tolto, ma va anche detto che quella è una zona dove nessuno si aspetterebbe che passi sopra una vettura. In generale, non è stata la partenza che sognavamo in questa avventura con Daniel. Ma sono certo che le cose andranno molto meglio se troveremo il modo di migliorare in qualifica. Lasciamo l’Australia con un mix di sensazioni, positive e negative”.

Topics
Pubblicità

Luca De Franceschi

Sono Luca, studio Lettere e seguo la Formula 1 da una decina d'anni. Mi sono appassionato a questo sport durante l'era dei successi di Michael Schumacher con la Ferrari, per poi assistere alle prime vittorie di Fernando Alonso, Lewis Hamilton e Sebastian Vettel. A casa ho diversi DVD sulla storia di questo sport, che mi hanno fatto conoscere i piloti e le auto del passato. Ho anche la passione dei kart, sui quali ogni tanto vado a girare.

Altri articoli interessanti

Back to top button