Fernando Alonso sapeva: la Ferrari sarebbe migliorata!

fernando-alonso-sapeva-che-la-ferrari-sarebbe-stata-buona-001

Fernando Alonso lo sapeva, la Ferrari, nel 2015, avrebbe fatto un netto passo in avanti, ma probabilmente, quando i rapporti umani sono ormai rastremati e la fiducia è un sentimento ormai raro, forse è bene cambiare aria. Dopo cinque stagioni in cui il pilota spagnolo ha provato a portare il titolo Mondiale a Maranello, senza grandi soddisfazioni, il 33enne, alla fine del 2014 ha lasciato la Rossa per tornare alla McLaren, team dove aveva già corso nel 2007: «Sono settimane che leggo di gente che continua a dire che Fernando Alonso ha sbagliato tornando a Woking – ha commentato Carlos Gracia, il boss della Federazione Automobilistica Sportiva spagnola, in un’intervista rilasciata ai colleghi di Marca – Ma la sua era una storia già scritta per un certo numero di coincidenze: Fernando sapeva che la Ferrari avrebbe migliorato molto quest’anno».

Al posto di Alonso è arrivato Sebastian Vettel. Il pilota tedesco, per i ferraristi l’unico erede di Michael Schumacher, è subito diventato il beniamino dei tifosi della Rossa e in occasione della seconda gara del Campionato, a Sepang, è riuscito a portare la SF15-T numero 5 sul gradino più alto del podio, dopo un’assenza che durava dal 2013: «Basta soffermarsi un attimo a guardare le prestazioni di Raikkonen del 2014 e quelle di quest’anno per comprendere quanto la vettura abbia migliorato a livello prestazionale, non è inciso il cambio dei piloti, anche Alonso avrebbe vinto con questa Ferrari – ha continuato Gracia – La scelta di Fernando credo sia maturata anche per creare una nuova fonte di ispirazione per i suoi fans», ha concluso.

Eleonora Ottonello
@lapisinha

Eleonora Ottonello

Mi chiamo Eleonora e sono di Genova. Scrivo per passione, nella vita di tutti i giorni sono un'educatrice cinofila. Non ho paura di dire (forse è meglio dire scrivere) quello che penso. Per me la sincerità e la franchezza sono alla base di ogni rapporto umano. Sono pignola e puntigliosa ma disordinata e pasticciona allo stesso tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio