Formula 1

Congelati gli sviluppi in galleria del vento per il 2022

Un comunicato della Formula 1 ha vietato l’uso delle gallerie del vento sui progetti del 2022

L’emergenza Covid-19, non solo ha rimandato i cambi regolamentari al 2022, ma ha anche modifcato i programmi di lavoro per il 2020. Fino a febbraio 2021 infatti non si potrà lavorare in galleria del vento sui progetti futuri

Secondo quanto riferito dalla Formula 1 è stato bloccato lo sviluppo delle gallerie del vento per il 2022 fino a febbraio, allo scopo di contenere i costi di questa stagione. L’emergenza globale del Coronavirus ha eretto un grande blocco di fronte al circus iridato. Di fatto è stata spazzata via tutta la prima parte della stagione 2020, il che priverà i team di entrate significative, anche se diverse gare verranno posticipate.

Per far fronte al deficit finanziario,  Liberty Media e la FIA hanno ritardato di un anno l’introduzione dei nuovi regolamenti, mentre i team hanno deciso di utilizzare il loro telaio 2020 anche nel 2021, diminuendo così i costi di sviluppo del progetto per l’anno. Tuttavia, nel tentativo di ridurre ulteriormente i costi e aiutare i profitti, anche altri addetti ai lavori sono d’accordo a bloccare gli sviluppi.

Stando a quanto affermano i tedeschi di Auto Motor und Sport, per la prossima stagione sarà bloccato lo sviluppo delle power unit, del cambio, delle sospensioni, dei mozzi, dei radiatori e anche di alcune specifiche aerodinamiche. AMUS sostiene, inoltre, che verrà imposto divieto nell’uso della galleria del vento sulle auto del 2022 per un certo periodo. Questo per prevenire sviluppi e costi paralleli.

L’attuale crisi legate all’epidemia di Covid-19, potrebbe portare cosi FIA e Formula 1 a ripristinare i costi dello sport, abbassando ulteriormente il budget cup, fissato ora a 175 milioni di dollari. La sopravvivenza di vari team dipenderà da questo.

Pubblicità

Gabriele Gramigna

Mi chiamo Gabriele, sono un ragazzo molisano e studio chimica all'università di Padova. Dal 2018 scrivo per F1World, cercando di trasmettere la mia passione per la Formula 1 in tutti i miei articoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button